Soltanto in Sicilia si può visitare un museo nelle viscere della terra, dentro una miniera di sale ancora arriva. Per visitarlo, bisogna andare a Petralia Soprana, borgo dei borghi del 2019. Nella frazione di Raffo, sulle montagne di Palermo, si trova un suggestivo sito con oltre 80 chilometri di gallerie.

Il giacimento si è formato oltre sei milioni di anni fa per una serie di rari eventi geologici e per il prosciugarsi del mar Mediterraneo. Il giacimento di salgemma purissimo ospita – per concessione della Società Italkali, il MACSS (Museo di Arte Contemporanea Sotto Sale), un caso unico al mondo. Si tratta dell’unico museo di arte contemporanea dentro una miniera attiva.

Qui vi sono 30 opere, frutto di 4 biennali (2011-2017), che si snodano lungo un percorso artistico, naturale e geologico molto particolare. Una suggestione che in un’ora circa permette di conoscere meglio la storia geologica della Sicilia, arricchita da testimonianze di arte contemporanea.

Vista la particolarità del sito, l’accesso al museo è rigidamente sottoposto a procedure di sicurezza. Le visite sono disciplinate dalla direzione esclusivamente nei giorni autorizzati. Le visite avvengono solo di sabato, contattando l’Associazione Sottosale al 366 38 78 751. Il costo del biglietto è di 5 euro. Si procede lungo un itinerario di 400 mt in pianura, è prevista una spiegazione geologica con materiale multimediale, quindi la visita al Museo, con guide specializzate che illustrano le opere.

È consigliato l’uso di scarpe comode. Si accede alla miniera previa sottoscrizione di liberatoria, i minori di anni 12 non possono entrare; per loro sono predisposti laboratori didattici con operatori specializzati.

Come arrivare al MACSS

Bisogna raggiungere innanzitutto Bivio Madonnuzza, lungo la SS 120 dell’Etna e delle Madonie, a Petralia Soprana. Da questo bivio, scendere lungo la Via del Salgemma  che conduce verso Raffo, per 3 km circa: a un certo punto si trova un cartello ITALKALI: entrare e proseguire per un km, oltre il lungo ponte. Quando la strada si interrompe, ci si troverà davanti i cancelli Italkali dove al sabato è allestita la biglietteria.

Si sconsiglia l’uso di navigatori satellitari e Google Maps per accedere alla miniera, in quanto non rilevata.

Foto: Facebook