Il pane fritto è una preparazione che ormai non si vede più molto spesso sulle tavole siciliane. Ha lasciato il posto a tartine e bruschette che, per carità sono buone, ma non hanno quella forte connotazione della cucina povera di un tempo.

Per me è una delle cose più buone che possano esistere, sarà perché è legata ai ricordi di infanzia. Anche questa ricetta serviva a recuperare e a non buttar via il pane raffermo di 2-3 giorni.

La particolarità di questa ricetta semplicissima è che offre infinito spazio alla fantasia. Infatti una volta preparato il pane fritto, lo si può condire in tanti modi.

Ricetta del pane fritto

Ingredienti

  • 10-12 fette di pane raffermo (quello di pasta dura modicano sarebbe l’ideale)
  • latte
  • olio extravergine d’oliva

Preparazione

  1. In una teglia larga adagiare le fette di pane e bagnarle con il latte e farle ammorbidire.
  2. Attenzione a non versare troppo latte perché, poi, le fette potrebbero disfarsi.
  3. Sgocciolate le fette di pane dal latte in eccesso e ponetele in una padella in cui avrete fatto scaldare l’olio d’oliva.
    fatele friggere dorandole uniformemente da ogni parte.
  4. Mettetele su un piatto con carta assorbente da cucina per eliminare ogni eccesso d’olio.
  5. Ora non resta altro che dare sfogo alla vostra fantasia.
  6. Se volete consumarlo nella sua versione salata basta salare ogni fetta, metterci sopra una fettina di mozzarella ed una spolverata d’origano, oppure adagiarvi una piccola fetta di mortadella o salame, o una fettina di ricotta ed un tocchetto di salame, o ancora, per chi le ama, una fettina di formaggio forte ed un filetto d’acciuga.
  7. Se invece ne volete fare un dolcetto sfizioso potete solo spolverarlo di zucchero, oppure spalmare le fette con miele o marmellate varie, o preparare della ricotta dolce e con questa spalmare le fettine, magari grattugiandovi sopra del cioccolato fondente.

Buon appetito!

Inviata da Simona Di Fiore

Articoli correlati