Quando si parla di pizza siciliana, si apre un capitolo molto goloso della storia della cucina dell’isola. Sappiamo bene che la pizza non è nata in Sicilia, ma è innegabile che sull’isola ha saputo trovare non soltanto una casa, ma anche un luogo di sperimentazione, innovazione e ricette speciali. Con il termine pizza siciliana si indicano diverse preparazioni realizzate nelle varie province dell’isola. Tra queste, la più celebre è quella dello sfincione, originario di Palermo, ma ve ne sono molte altre varietà. Le ricette sono, in alcuni casi, profondamente diverse e questo deriva dalla cultura e dalla tradizione locale. All’inizio del XX secolo, a causa dei grandi fenomeni migratori, tanti siciliani hanno lasciato la loro terra d’origine, esportando le loro ricette. Ad esempio, nel New Jersey, negli USA, il termine “sicilian pizza” indica una versione italoamericana dello sfincione.

Pizza siciliana, le varietà delle diverse province

Sono davvero tante le varietà di pizza siciliana che è possibile assaggiare e ognuna di esse è deliziosa a suo modo. Come avrete modo di scoprire, sono diverse per ingredienti e preparazione. In alcuni casi soffici e spugnose, in altri croccanti, in altri ancora più simili alle focacce o a calzoni. A Palermo si prepara lo sfincione. È spesso, spugnoso e condito con pomodoro, cipolla acciughe, pangrattato e caciocavallo. In provincia, a Bagheria, esiste anche lo sfincione bianco, che differisce per l’assenza di pomodoro e la presenza di ricotta. A Camporeale, sempre nel Palermitano, si serve la sciavata, a metà tra pizza e sfincione. A Catania si prepara la scacciata, ripiena di tanti ingredienti. È una preparazione da forno, tipica dell’antica panificazione. Tra le versioni più famose, quella a base di caciocavallo e acciughe e quella con broccoli, cavolfiori, patate lesse e carne.

Ancora, sempre a Catania si prepara i crispeddi, che sono come dei panini farciti e fritti. A Zafferana Etnea e Viagrande, si cucina la pizza siciliana, un calzone fritto con formaggio, acciughe e funghi. Spostandoci a Messina, non possiamo non parlare dei pitoni. Sono come dei calzoni ripieni di indivia, caciocavallo, pomodoro e acciughe salate. Sempre qui si prepara la focaccia alla messinese. Da una provincia all’altra, ci spostiamo a Siracusa e nel Siracusano. Qui vengono sfornate gustose ‘mpanate, farcite in tantissimi e gustosi modi. Tipica di Solarino è il pizzolo, che è come una pizza ripiena, croccante all’esterno. Non si può dimenticare il cudduruni, tipico di Lentini. Nel Trapanese, invece, è regina la rianata, con acciughe e origano, con la variante della Rianella, che include anche la mozzarella. Un classico dell’Agrigentino è la pizza Agrigentina, mentre a Sciacca si fa la pizza Tabisca.

Articoli correlati