Proprietà e benefici dell’anguria, frutto dell’estate. In Sicilia viene esaltata quando diventa gelo di mellone (scritto proprio così, con due “l”), un dolce al cucchiaio praticamente irresistibile, ma l’anguria è un frutto eccellente sotto molti punti di vista.

Rinfrescante e dissetante, è molto adatta alle giornate più calde, quelle in cui il caldo afoso non vuole darci tregua. Si può mangiare quando ci si sente spossati e stanchi e aiuta a recuperare i sali minerali persi con l’inevitabile sudorazione.

L’anguria è composta al 95% di acqua che, combinata con il licopene, un  antiossidante, le conferisce la classica colorazione. Questo frutto rafforza il sistema immunitario, ha proprietà antinfiammatorie, depura l’organismo, migliora l’aspetto di pelle e capelli, aiuta la circolazione e la solidità delle ossa. Nella polpa si trovano vitamine A e C, potassio, fosforo e magnesio.

La vitamina C e il potassio, in particolare, possono avere un’azione depurativa e detossificante. Così, l’anguria combatte la ritenzione dei liquidi, il gonfiore alle gambe e l’ipertensione.

L’anguria, ancora, è ricca di carotenoidi. Questi combattono l’azione dei radicali liberi, quindi l’invecchiamento delle cellule. Contiene anche citrullina, un amminoacido che assicura l’equilibrio della pressione e mantiene elastiche le pareti arteriose: così può avere effetti positivi nel contrasto di ipertensione e malattie cardiache. Per quanto riguarda l’apporto calorico, è molto basso, perché è un frutto ricco di acqua: è dunque perfetto per chi segue un regime alimentare ipocalorico.

Stando ad alcune ricerche, una fetta di anguria al giorno può ridurre i livelli di colesterolo. Non possiamo dire con certezza che ciò sia vero, ma siamo sicuri della bontà dell’anguria. Vi consigliamo di utilizzarla anche per realizzare la granita, da accompagnare con panna!