Proverbi siciliani per la Festa della Mamma. Nel 2019, la ricorrenza si celebra domenica 12 maggio ed è un’ottima occasione per tornare a parlare della saggezza popolare siciliana. Anche in questo caso, infatti, ci sono alcuni proverbi adatti.

Certo, non sono tutti lusinghieri (come ad esempio l’ultimo!), ma ciò non toglie che siano molto interessanti, perché permettono di conoscere la Sicilia più da un punto di vista insolito.

  • Tri sugnu i cori cchiù amati: matri, soru e frati.
    (Sono tre i cuori più amati, quello della mamma, della sorella e del fratello).
  • A casa, senza ‘a fimmina, ‘mpuvirisci.
    (Senza la donna, la casa è spoglia).
  • Bedda matri lu munnu sbrogghia, l’ammanta cu lu velu e lu cummogghia.
    (Una buona madre toglie ogni ostacolo, lo copre con il velo e lo nasconde).
  • Dici mamma Rocca: si talia cu’ l’uocchi e ‘un si tocca.
    (Dice la mamma di Rocca: si guarda con gli occhi ma non si tocca).
  • Fimmina bona, vali chiù di ‘na corona.
    (Una donna in gamba, vale più di un reame).
  • ‘U figghiu ‘ngratu vastunia a so matri.
    (Il figlio educato male bastona sua madre).
  • Tali matri, tali fighia, va ‘bbiassi ‘nta larigghia
    (Tale madre, tale figlia, vi butterei nella graticola).