Il polpo bollito, chiamato in siciliano purpu a stricasali è un saporito e semplice cibo di strada palermitano. Si trova, infatti, nei mercati storici, in vendita nei banchetti che si confondono con le altre bancarelle cariche di ogni genere di mercanzia.

Preparare questo piatto non è difficile, ma è molto importante che la materia prima sia eccellente. Se avete voglia di fare una visita a Palermo, anche solo con il gusto, allora ecco la ricetta che fa per voi. Iniziamo, naturalmente, dagli ingredienti.

  • 1 polpo del peso di circa 1,2 kg
  • succo di limone
  • olio extravergine d’oliva
  • sale e pepe

Ed ecco il procedimento, passo dopo passo.

  1. Per prima cosa, dovete fare bollire il polpo in abbondante acqua salata. Portate a ebollizione l’acqua preventivamente, immergete il polpo fino alla testa e tiratelo su. Dovete ripetere questa operazione altre due volte prima di tuffarlo definitivamente.
  2. Fate bollire per circa 15 minuti.
  3. Quando la cottura sarà terminata, fate freddare dentro il tegame.
  4. Una volta intiepidito, togliete dal tegame e trasferite in un piatto da portata.
  5. Spezzettate i tentacoli e aprite la testa a metà, privandola dello stomaco e delle parti non commestibili.
  6. Condite con un’emulsione di olio extravergine d’oliva, succo di limone e pepe nero, rigorosamente macinato al momento.
  7. Servite e gustate.

Buon appetito!