Ricetta degli Sfinci Siciliani, il dolce che fa subito festa.

  • Prepariamo insieme un dolce tipico siciliano: bastano pochi ingredienti ed è facilissimo.
  • Chiamati anche Sfince, sono palline di impasto fritte e passate nell’olio.
  • Sono tipiche del periodo natalizio, del Carnevale e anche della Festa di San Martino: ogni scusa è buona per mangiarli.

Sfinci, Sfince, Sfingi… e chi più ne ha più ne metta! Tutti questi nomi corrispondono a un’unica, grande prelibatezza della pasticceria popolare di Sicilia. Si tratta di una ricetta semplicissima e gustosa, che non richiede molti ingredienti e neanche molto sforzo. Insomma, davvero perfetta. Gli Sfinci siciliani vengono preparati in diverse occasioni: durante le festività natalizie, a Carnevale, ma anche a San Martino. Pare proprio che scusa sia buona per addentarne uno.

Come sovente capita con questo tipo di ricette, ne esistono diverse varianti, alcune delle quali includono anche le patate (nella nostra ricetta non le trovate). Le Sfince esistono anche in versione salata: questo rende l’idea della loro versatilità. Siamo di fronte all’ennesima dimostrazione del fatto che la semplicità paga! Sono piccole e soffici palline di pasta lievitata, fritte in olio bollente. Il loro nome sembra derivare dal latino “spongia”, o dall’arabo “isfanǧ”, ovvero “spugna”, proprio per la loro natura soffice e spugnosa. Condividono questa origine con il celeberrimo sfincione (avete notato che i nomi suonano allo stesso modo?).

Come fare gli Sfinci

Ingredienti

  • 500 g di farina 00
  • 25 g di lievito di birra
  • acqua
  • 1 cucchiaio abbondante di olio extravergine d’oliva
  • 2 cucchiai di zucchero
  • mezzo cucchiaio di sale
  • zucchero semolato
  • cannella in polvere
  • olio di semi

Procedimento

  1. Per fare gli sfinci siciliani, dovete, naturalmente, iniziare dall’impasto.
  2. Dopo aver setacciato la farina, versatela in una ciotola, formando la classica “fontana”
  3. Mettete al centro l’olio e il lievito (quest’ultimo precedentemente sciolto in acqua tiepida).
  4. Iniziate a lavorare l’impasto e aggiungere lo zuccheto e il sale. Qualora voleste, potreste anche unire la buccia di limone grattugiata.
  5. Unite, a poco a poco, dell’acqua tiepida, per ottenere un composto morbido e vellutato.
    Occorrerà lavorare la pasta per almeno 20 minuti o fino quando non risulterà liscia ed omogene.
  6. A questo punto lasciate lievitare per circa 3 ore, fin quando sulla superficie non appariranno delle bolle.
  7. Prendere una cucchiaiata alla volta d’impasto e friggete in olio bollente.
  8. Gli sfinci sono pronti quando gonfiano e diventano dorati.
  9. Prendeteli con una schiumarola e metteteli a scolare su carta assorbente.
  10. Prima che si freddino, fateli rotolare su zucchero e cannella (che avrete messo in un piattino o in una ciotola).

Buon appetito! – Foto di Giovanna Scalia

Articoli correlati