Zeppole siciliane: una golosa tradizione

  • Zippuli di Siracusa, l’autentica ricetta siciliana.
  • Dolci o salate, si mangiano a partire da San Martino e fino a Carnevale.
  • Come farle in casa: ingredienti e procedimento.

A San Martino, castagne e vino“: così recita un famoso proverbio della tradizione. La festa di San Martino, che cade l’11 di novembre, è legata ad alcune tradizioni che passano dalla tavola, in Sicilia più che mai. Si sa, noi gente sicula teniamo particolarmente a rispettarle, quelle tradizioni!

Il nostro viaggio alla ricerca delle migliori prelibatezze del nostro territorio, ci porta oggi a conoscere le Zippuli di Siracusa. Si tratta di frittelle dalla forma tondeggiante: una di quelle ricette tramandate dalle nostre nonne, che si passano da una generazione all’altra. Sono molto simili alle “sfincette” tanto amate nel Palermitano. Ora, prima di procedere, è necessario fare una precisazione.

Con il nome “zeppola“, generalmente, si identifica un dolce della tradizione napoletana, che nulla ha a che fare con le Zippuli che si fanno a Siracusa e dintorni. La versione siciliana può essere aromatizzata con cannella o agrumi, così come farcita con creme, includere le alici. Essere, dunque, dolce o salata. L’impasto è semplicissimo: farina, acqua, sale e lievito. Nella versione con acciuga o ricotta, i condimenti si mettono prima della frittura. Qualora si aggiunga crema di nocciole, va unita dopo la cottura. La ricotta, tradizionalmente, si aggiunge così com’è, non lavorata.

Ricette delle Zippuli di Siracusa

Ingredienti

  • 500 g di farina 0;
  • 1 cubetto di lievito di birra;
  • 10 g di sale;
  • Circa 350 ml di acqua (o quanto basta);
  • Olio per la frittura (c’è anche chi usa olio extravergine).

Procedimento

  1. Per fare le Zippuli di Siracusa, dovete anzitutto setacciare la farina in una ciotola.
  2. Aiutandovi con una frusta o una forchetta, lavorate bene la farina con il lievito sciolto in acqua.
  3. Soltanto dopo, unite il sale, evitando un contatto diretto con il lievito.
  4. Aggiungete l’acqua necessaria per creare una pastella corposa.
  5. Fate lievitare l’impasto in un luogo caldo, fino al raddoppio.
  6. Usate una padella dai bordi alti per la frittura: versatevi l’olio e portatelo alla giusta temperatura.
  7. Friggete in olio caldo. Se volete usare le alici, usate dei filetti già pronti e mettete un filetto in ogni pallina d’impasto.
  8. Per fare la ricetta con la ricotta, mettete al centro dell’impasto un po’ di ricotta non lavorata, così com’è.
  9. Fate dorare su tutti i lati, quindi mettete a scolare su carta assorbente,
  10. Se fate la versione dolce, farcite dopo cottura con crema alla nocciola e coprite con zucchero a velo.

Buon appetito e buona festa di San Martino! – Foto: Gary StevensLicenza.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati