C’è tutta la magia degli agrumi siciliani nel video del Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia. Un viaggio alla scoperta di arance e limoni di Sicilia, ma anche dei luoghi in cui vengono prodotti. Il risultato è un vero e proprio omaggio alle eccellenze del territorio.

Arance e Limoni di Sicilia, l’eccellenza degli agrumi

Sicilia, l’Isola magica degli agrumi. Che la nostra Trinacria fosse luogo di produzione di grande frutta, lo sapevamo già, ma è sempre interessante ricordarlo. La nuova campagna del Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia (sostenuta dall’assessorato Regionale dell’Agricoltura) punta proprio sulla valorizzazione delle produzioni agrumicole DOP e IGP.

Sono tanti i prodotti certificati e di qualità che fanno parte del Distretto. Facciamo un piccolo “ripasso”:

  • 4 IGP:  Limone Interdonato, tanto succoso da riempirci il mare; Limone dell’Etna, le cui fragranze risvegliano la natura, l’Arancia Rossa di Sicilia, piena di energia e incandescente come la lava; Limone di Siracusa, intriso di storia e tradizione.
  • 1 DOP: Arancia di Ribera, dolce e amabile come un’alba sul mare.

Il video che trovate al termine dell’articolo racconta proprio queste eccellenze. Basta meno di un minuto per creare tanti “micro-mondi”. L’Etna ridisegna la sua sagoma e diventa fatto di arance. Il succo delle Arance Rosse di Sicilia, così, è come magma. Il mare diventa una immensa distesa di limoni, mentre i tronchi degli alberi sono robusti come colonne dei templi. Il risultato è davvero un’Isola magica.

«Un aspetto, quello della professionalità e del know how delle produzioni, che ha bisogno di essere trasmesso meglio ai mercati e ai consumatori», spiega la presidente del Distretto Agrumi di Sicilia, Federica Argentati.

Le varietà degli Agrumi di Sicilia: DOP e IGP

L’Arancia di Ribera DOP si declina nelle sue varietà di Brasiliano, Washington Navel e Navelina: la zona di produzione comprende 13 comuni della provincia di Agrigento. Questo agrume è riconoscibile per il caratteristico ombelico interno, la buccia uniforme, così come la sua polpa senza semi.

Varietà Tarocco, Moro e Sanguinello per l’Arancia Rossa di Sicilia IGP. Si coltiva in un vasto territorio che comprende 32 comuni tra le province di Catania, Enna e Siracusa. Si contraddistingue per una caratteristica unica al mondo: i pigmenti rossi, dovuti alla presenza di antocianine che si sviluppano grazie all’escursione termica tra giorno e notte favorita dalla presenza del vulcano Etna.

Il Limone di Siracusa IGP, nella cultivar Femminello, si produce nelle tipologie Primofiore e Bianchetto in 10 comuni della provincia di Siracusa. Quello Interdonato Messina IGP, cultivar Interdonato,  cresce in tutta la parte ionica della provincia messinese fino a Giardini Naxos.

Il Limone dell’Etna IGP, cultivar Femminello, estende la sua produzione lungo la fascia ionico-etnea nella provincia di Catania, su terreni principalmente di origine vulcanica.

Le Naveline si raccolgono fino a febbraio e sembrano lasciare il testimone ai limoni Bianchetti di Siracusa che si raccolgono fino ad aprile. Le arance bionde di Ribera, il Brasiliano soprattutto, corre insieme al rosso Tarocco fino a maggio, per ritrovare a giugno i limoni verdelli. Il Femminello si raccoglie praticamente sempre. La Sicilia è la regione più agrumetata d’Italia.

Sicilia, l’Isola Magica: il VIDEO

 

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati