Presentata la 33esima edizione della guida Osterie d’Italia di Slow Food, uno storico sussidiario del “mangiare bene” all’italiana. La guida racconta la ristorazione autentica e di qualità, attraverso le recensioni di oltre 240 collaboratori, con 1730 indirizzi di osterie, agriturismi ed enoteche. Scopriamo insieme quali sono i premiati della Sicilia.

Osterie d’Italia 2023 di Slow Food

Rispetto alla scorsa edizione, ci sono ben 139 novità. Accanto allo storico riconoscimento della Chiocciola, (assegnato a quelle osterie che si distinguono per l’eccellente proposta e per l’ambiente, la cucina e l’accoglienza in sintonia con i valori del buono, pulito e giusto di Slow Food) e al riconoscimento della Bottiglia (che segnala una proposta di vini articolata, rappresentativa del territorio e con prezzi onesti), in Osterie d’Italia 2023 compare un nuovo riconoscimento.

Il nuovo riconoscimento è il Bere Bene, assegnato ai locali che offrono, accanto o in sostituzione a una valida proposta di vini, una selezione di bevande alcoliche e non – birre artigianali, distillati, cocktail ma anche succhi, estratti e infusi – scelti con attenzione e personalità.

A ricevere la Chiocciola, quest’anno sono 270 osterie, mentre ad aggiudicarsi la Bottiglia e il Bere Bene sono rispettivamente in 450 e 126 locali. La regione con il maggior numero di Chiocciole è la Toscana (27), seguita dal Piemonte (26) e dalla Campania (25).

Premi Speciali

Assegnati anche 9 premi speciali, 3 in più rispetto allo scorso anno. Nel 2023 si è aggiunto infatti il premio Selezione Bere Bene, assegnato a 3 osterie rispettivamente al Nord, Centro e Sud Italia.

  • Il premio Miglior Oste è andato a Roberto Casamenti e Alessandra Bazzocchi de La Campanara – Pianetto di Galeata (FC).
  • Miglior Carta dei Vini è stato consegnato da Elena Tassone, responsabile marketing, e Lorenzo Zirilli, art director di Acqua San Bernardo a Devetak – Savogna d’Isonzo (GO).
  • Miglior Interpretazione della Cucina Regionale è stata l’osteria Sora Maria e Arcangelo – Olevano Romano (RM).
  • Premio Novità a Casa Colet – Monastero di Vasco (CN)
  • Miglior Giovane Vittorio Fusari Franciacorta a Greta Gemmi di Al Resù – Lozio (BS).
  • Premio Miglior Dispensa all’Enoteca della Valpolicella – Fumane (VR).
  • Premio Selezione Bere Bene è andato a tre osterie: Controvento – Porto Sant’Elpidio (FM); Ada – San Sperate (SU); Da Roberto Taverna in Montisi – Montalcino (SI).

Migliori Osterie della Sicilia secondo Slow Food

Questi i locali siciliani che si sono aggiudicati una Chiocciola di Slow Food, massimo riconoscimento della Guida Osterie d’Italia.

  • Ginger People & Food – Agrigento
  • Terracotta – Agrigento
  • Nangalarruni – Castelbuono (PA)
  • Mé Cumpari Turiddu – Catania
  • Oasi Osteria del Mare – Licata (AG)
  • Casa & Putia – Messina
  • 4 Archi – Milo (CT)
  • Andrea – Palazzolo Acreide (SR)
  • Trattoria del Gallo – Palazzolo Acreide (SR)
  • Lo Scrigno dei Sapori – Palazzolo Acreide (SR)
  • Buatta – Palermo
  • Corona Trattoria – Palermo
  • Cucina e Vino – Ragusa
  • Da Luciana – San Piero Patti (ME)
  • Fratelli Borrello – Sinagra
  • Latteria Mamma Iabica – Siracusa
  • Cantina Siciliana – Trapani
  • Caupona Taverna di Sicilia – Trapani

Foto via FB /mecumparituriddu.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati