Un litorale di spiagge da scoprire.

Non si finisce mai di conoscere la Sicilia e le sue spiagge. Oggi vogliamo esplorare un territorio affascinante, che racchiude cultura e paesaggi mozzafiato. Facciamo tappa a Donnalucata, frazione del comune di Scicli, in provincia di Ragusa. Il nome deriva, probabilmente, da una fonte di acqua dolce che sgorga che, nel periodo arabo, era chiamata “Ayn-al-awqat”. Un tempo era un paese di pescatori, ma oggi è un rinomato centro di villeggiatura che conserva comunque la sua antica anima. Le spiagge di Donnalucata sono molto frequentate in estate: scopriamo insieme perché.

Spiagge Donnalucata, sabbia finissima e scorci da ammirare

Dopo la riviera che bagna il centro abitato, si sviluppa un litorale di circa 3 chilometri di ampie spiagge poco frequentate, come Micenci, Palo Bianco, Palo Rosso e Spinasanta. Le ampie dimensioni consentono di godere tranquillamente di questi luoghi. Il lungomare della frazione accoglie le tipiche case di villeggiatura siciliane. Le spiagge di Donnalucata sono tutte di sabbia dorata. Entrando nella frazione dal versante ovest, ci si imbatte subito nel cosiddetto “Spiaggione“. E non finisce qui.

Visitare Donnalucata è un’ottima idea, per diversi motivi. Basta fare una passeggiata nella frazione per imbattersi in villini di fine Ottocento. Da non perdere la chiesetta di Santa Caterina, completata nel 1883. Ci troviamo in uno dei luoghi di Montalbano. Nella fiction di Rai1, infatti, abbiamo potuto osservare in più di una occasione il lungomare. Molto caratteristica è anche casa Mormina Penna, oggi sede della delegazione comunale. Le spiagge di Donnalucata sono solo il punto di inizio di una piccola avventura alla scoperta della Sicilia più caratteristica. Foto: Vincenzo Chichirillo.

Articoli correlati