Ancora terremoti in Sicilia, ma stavolta nella zona del Palermitano. Tre scosse si sono verificate ieri. La prima, di magnitudo 3.0, alle 21.50 e le altre due, di magnitudo 3.5 e 3.0, rispettivamente alle 5.15 e alle 5.43 di stamattina. Per i tre eventi l’epicentro è stato localizzato a pochi chilometri a ovest di Gangi, a profondità variabili tra gli 8 e i 10 chilometri.

Nei paesi del Palermitano raggiunti dal sisma, fortunatamente, non sono stati registrati danni a persone o cose. I vigili del fuoco del comando provinciale non hanno ricevuto alcuna segnalazione o richiesta di aiuto. «Diversi residenti hanno avvertito le scosse – spiega il vicesindaco di Gangi, Giuseppe Ferrarello – ma al momento solo un po’ di apprensione, ma non ci sono feriti o danni».

Poche ore prima delle scosse registrate nel palermitano, due lievi scosse di terremoto sono state registrate dai sismografi dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia nel Catanese. Sono avvenute durante la notte. In dettaglio, la prima è stata di magnitudo 2.1 e l’epicentro è stato localizzato a cinque chilometri da Zafferana Etnea, Trecastagni, Santa Venerina e Viagrande. La seconda scossa è avvenuta alle ore 0.44 ed è stata localizzata nella stessa zona, con epicentro a tre chilometri da Trecastagni.