Il gusto della tradizione, le Busiate alla Trapanese.

  • La ricetta del primo piatto tipico siciliano.
  • Tutti gli ingredienti e il procedimento a cominciare dalla pasta fresca fatta in casa.
  • La pasta viene condita con il pomodoro, il basilico e l’aglio.

La cucina siciliana è ricca di ricette di primi piatti tanto semplici, quanto buoni. Per gustare una pietanza da re, bastano davvero pochi ingredienti: se non ci credete, provate le Busiate alla Trapanese. Chiamate in dialetto “pasta cull’agghia”, cioè “pasta con l’aglio”, appartengono alla tradizione povera, ma sono ricche di gusto. Protagonista di questa preparazione è un tipico formato di pasta, la Busiata, che ha la forma a spirale. Si prepara a mano, con maestria, utilizzando un ferro da calza o anche una canna. Si ottiene così una sorta di fusillo, perfetto per accogliere il sugo. Abbiamo pensato di suggerirvi la ricetta tradizionale, che include anche il procedimento per fare le busiate fresche in casa: non indugiamo oltre e mettiamoci ai fornelli.

Ricetta delle Busiate alla Siciliana

Ingredienti

Per la pasta

  • 400 g di farina di semola rimacinata di grano duro;
  • 220 g di acqua.

Per il condimento

  • 350 g di pomodorini;
  • 1 ciuffo di basilico fresco;
  • 1 spicchio d’aglio (se vi piacciono i sapori forti, usatene 2);
  • 80 g di mandorle pelate;
  • 80 g di pecorino grattugiato (se volete un gusto più semplice, potete anche non utilizzarlo);
  • sale;
  • olio extravergine d’oliva.

Procedimento

  1. Per fare le Busiate alla Trapanese, iniziate dalla pasta.
  2. Create l’impasto con acqua e farina, rendendolo omogeneo ed elastico.
  3. Staccate dall’impasto dei pezzetti grandi quanto una noce e stendeteli, formando dei salsicciotti sottili.
  4. Formate dei pezzetti di circa 6 centimetri di lunghezza.
  5. Arrotolate i pezzetti in diagonale su un bastoncino, fino a ottenere la caratteristica forma elicoidale (qui trovate un video che spiega come formare le Busiate alla perfezione).
  6. Fate asciugare la pasta su un setaccio o su un canovaccio per almeno 30 minuti.
  7. Passate al condimento.
  8. Lavate i pomodorini, incidete a croce il fondo e scottateli per pochi minuti in acqua bollente.
  9. Scolateli, fateli intiepidire un po’, quindi levate la pellicina, con l’aiuto di un coltello.
  10. Frullate (o pestate con il mortaio) i pomodorini insieme al pecorino grattugiato, le mandorle, il basilico e l’aglio pelato, versando l’olio a filo, proprio come si fa per il pesto.
  11. Cuocete la pasta, scolatela al dente e conditela con il vostro pesto alla trapanese.
  12. Cospargete con altro pecorino e servite.

Buon appetito! – Foto: Pasta Grannies.

Articoli correlati