Cosa vedere nel borgo marinaro di Aspra.

Grandi città d’arte o piccoli borghi solitari? Non bisogna per forza scegliere, perché la Sicilia offre entrambi. La nostra isola è ricca di mete turistiche che mettono d’accordo proprio tutti. Se ciò che preferite sono le piccole borgate, magari affacciate sul mare, allora abbiamo ciò che fa per voi: Aspra borgo marinaro a due passi da Palermo. Una destinazione ideale per chi è alla ricerca di relax e paesaggi dal sapore antico. Da qui si gode della vista delle barchette colorate che quasi fluttuano sull’acqua: si guarda il mar Tirreno e, voltandosi a sinistra, si scorge l’intero golfo di Palermo; a destra, invece, c’è la costa frastagliata che va verso Capo Zafferano. Con queste premesse, si preannuncia una visita interessante: procediamo insieme.

La storia della frazione di Aspra

Aspra è l’unica frazione di Bagheria, la cittadina siciliana nota per le sue bellissime ville. La storia di questa borgata è molto interessante. Si pensa che i primi insediamenti risalgano alla dominazione araba della Sicilia. Il nome, infatti, potrebbe derivare dal termine arabo che indica la pietra. Da qui, infatti, si ricavavano i blocchi di calcarenite, una pietra leggera, di media durezza, facile da lavorare: si prendeva nelle grandi cave a cielo aperto, chiamate dai siciliani “pirriere“. C’è anche un’altra ipotesi: il toponimo Aspra potrebbe derivare dal latino asperus (impervio) o dal greco aspro (bianco). Passiamo adesso a esplorare un po’ il territorio.

L’abitato di Aspra borgo marinaro è sovrastato dalla Montagna d’Aspra, con le sue cime Monte Irice, Cozzo San Pietro e cozzo Tondo. Il monte si prolunga nel promontorio di Capo Mongerbino. Proprio a Mongerbino ci sono piccoli gioiellini, come la Baia dei Francesi e l’Arco Azzurro. Proseguendo verso Est si raggiunge porticello, una frazione del Comune di Santa Flavia. A ovest, invece, il territorio di Aspra termina seguendo il corso del fiume Eleuterio. Come territorio, rientrava nella tenuta nobiliare del Marchese di Sant’Isidori, di cui oggi rimangono una villa e la tenuta della chiesa. Ad Aspra, nella Chiesa della Beata Vergine Maria Addolorata, sono conservati alcuni preziosi affreschi di Renato Guttuso. Tra le attrattive, c’è sicuramente il Museo dell’Acciuga, votato dagli utenti di TripAdvisor tra i migliori della Sicilia. Non perdetevi un giro sul lungomare di Aspra e anche u rittufilu (ufficialmente Corso Baldassarre Scaduto). Foto di Giacomo Sciortino.

Articoli correlati