Una poesia siciliana per riflettere.

  • Mischìna: Giuseppe Lodato dedica un componimento a un termine siciliano che sentiamo spesso.
  • Dietro questa parola c’è un intero mondo da scoprire.
  • Una lettura consigliata.

La lingua siciliana sa avere una forza espressiva difficile da trovare altrove. Attraverso i suoi termini è possibile esprimere concetti apparentemente semplici, che tuttavia sono molto profondi. La poesia di Giuseppe Lodato che vogliamo condividere con voi è un eccellente esempio di quanto abbiamo appena detto. Si chiama “Mischìna“, una parola che in Sicilia si usa spesso e volentieri, fondamentalmente con un’accezione negativa. Quell’accezione negativa, però, attraverso le parole usate da Lodato, diventa uno spunto di riflessione, un mezzo per ragionare sulla vita. Così, al di là di quei significati così negativi, capita che non ci sia niente, ma che siano solo parole usate a sproposito. Vi lasciamo alle parole di Giuseppe Lodato, che potete seguire su Facebook cliccando qui.

Mischìna di Giuseppe Lodato

Mischìna è sicca e pari malàta,
mischìna è sula e abbannunàta.

Mischìna è grassa, un si po’ taliàri
mischìna è lària, si putìssi assistimàri.

Mischìna è curta ed è puru sciancàta,
mischìna è stanca ed è sempri annuiàta.

Mischìna com’è arridduciùta,
mischìna avi ‘na fìgghia troppu cusciùta.

Mischìna è vicchiarèdda un po’ caminàri,
mischìna fa fetu, si putìssi lavàri.

Mischìna li figghi unni la vannu a truvàri,
mischìna unn’avi mancu li sordi pì manciari.

Mischìna è ‘na paròla usàta malamènti,
mischìna è ‘na paròla chi nun servi a nenti.

Mischìna è a nostra vita si la trascurrèmu a maravigghiàrini,
mischìna è a nostra vita si nun sapèmu amàrini.

Articoli correlati