Il lago di Ancipa è lago più alto della Sicilia (944 m s.l.m.). Chiamato anche lago Sartori, si trova sui monti Nebrodi, sulla strada tra Troina e Cerami, e segna il confine tra il libero consorzio comunale di Enna e la città metropolitana di Messina.

Nacque in seguito alla costruzione di una diga (detta di “San Teodoro”) a sbarramento del torrente Troina allo scopo di produrre energia elettrica, tra il 1950 e il 1952. Venne così creato un invaso della capacità massima di 30 milioni di m³.

L’Ancipa costituisce una delle maggiori risorse per l’approvvigionamento idrico della Sicilia centrale, fornendo acqua potabile a 13 comuni della provincia ennese compreso il capoluogo e ad altre cittadine del Nisseno e del Catanese.

Più recentemente il lago è stato oggetto di un cospicuo investimento che ha comportato la messa in sicurezza antisismica della diga mediante la realizzazione di alcuni contrafforti e l’irrobustimento del corpo diga con l’eliminazione delle lesioni prodottesi nel tempo. Il tutto ha portato a 50 milioni di m³ la capacità massima dell’invaso.

Il lago di Ancipa è circondato da magnifici boschi di aghifoglie, faggi e querce. La fauna ci fa ammirare numerosi uccelli acquatici, tra cui folaghe e germani reali. E tra i mammiferi è facile incontrare conigli selvatici e lepri.

Foto di AzotoliquidoOpera propria, CC BY-SA 3.0, Collegamento