La ‘ngiambella di San Cataldo (Ciambella sancataldese) è un biscotto tradizionale dell’omonimo comune. Si tratta di un biscotto di forma ellissoidale, grande 10-15 centimetri, che presenta una crosta lucida dovuta all’affioramento dell’albume delle uova utilizzate per l’impasto, durante la cottura.

La ricetta della ‘ngiambella si tramanda da una generazione all’altra: include la farina di maiorca, un grano antico siciliano, lo zucchero semolato e le uova, che vengono pesate con il guscio. L’impasto così ottenuto viene disposto nelle teglie con un cucchiaio, in modo da ottenere la forma caratteristica. Poi si cuoce in forno.

La ‘ngiambella è un dolce molto adatto alla colazione, o anche a uno spuntino pomeridiano. A seconda del momento della giornata, possono essere accompagnate da un passito siciliano o da una granita al limone.

Per conoscere le origini di questo biscotto si fa riferimento alle testimonianze degli anziani di San Cataldo, che le attestano tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento. In particolare, si tramanda che la Ciambella sancataldese venisse preparata negli anni Trenta nella Dolceria Iacolina di San Cataldo, che già all’epoca seguiva la ricetta della nonna.

Articoli correlati