La tartaruga marina sceglie la nostra isola.

  • Il primo nido di Caretta caretta della stagione del 2021 è in Sicilia.
  • La scoperta nella spiaggia Gallina, in provincia di Siracusa.
  • Nel litorale avolese la testuggine marina ha deposto le uova.

Che la Sicilia rappresenti una meta molto amata, è ormai cosa nota. La nostra isola non è la prediletta solo dei turisti, ma anche di alcuni piccoli amici un po’ speciali. Il primo nido di Caretta Caretta della stagione 2021, infatti, si trova proprio nel territorio siciliano: sulla spiaggia Gallina, nel litorale di Avola (Siracusa). La simpatica testuggine marina ha scelto questi lidi per deporre le sue uova, scoperte da alcuni operatori ecologici, nel corso delle operazioni di pulizia. Subito sono intervenuti i volontari del WWF, che hanno provveduto a mettere in sicurezza l’area del ritrovamento. Le tracce della tartaruga marina più diffusa nel Mediterraneo sono inconfondibili. La volontaria WWF del Progetto Tartarughe Oleana Prato, nonché operatrice per la Sicilia del Life Euroturtles, Oleana Prato ha scavato, rinvenendo le prime uova.

Primo nido di Caretta caretta del 2021 in Sicilia

Sul posto è giunta anche la Capitaneria di Porto di Avola, per una prima messa in sicurezza. Il ritrovamento del primo nido di Caretta caretta della stagione arriva in un momento speciale. Avola, infatti, sta per diventare il secondo comune siciliano – dopo Noto – “Amico delle tartarughe”. Il riconoscimento arriverà dopo una delibera per l’ottimale tutela delle spiagge idonee alla nidificazione. In sindaco di Avola, Luca Cannata, ha disposto l’installazione di cartelloni che segnaleranno dove è stato deposto il primo nido. Tra circa 60 giorni le uova inizieranno a schiudersi, sotto lo sguardo vigile dei volontari del WWF, che avranno monitorato il nido nel corso degli ultimi giorni di incubazione. Conosciamo meglio la tartaruga Caretta caretta.

La tartaruga marina Caretta caretta è una specie molto diffusa non solo nel Mediterraneo, ma anche negli Oceani Atlantico, Indiano e Pacifico. È presente anche nel Mar Nero. Nel Mar Mediterraneo, in particolare, i siti di deposizione delle uova si trovano soprattutto nella parte orientale, mentre nella parte occidentale sono da ritenersi eccezionali. Questi piccoli amici, purtroppo, sono minacciati dall’uomo, perché sono sensibili a molte delle attività umane, tra cui turismo e pesca. Si stima che, annualmente, circa 150mila tartarughe marine finiscano catturate negli attrezzi da pesca nel Mediterraneo. Di queste, oltre 40mila morirebbero. Pensate che nei nostri mari e oceani si contano sette specie di tartaruga marina. La presenza di un nido di Caretta caretta è un evento bello e significativo: ricordiamoci di tutelare il nostro mare e i suoi abitanti. Foto di David Levêque on Unsplash.

Articoli correlati