Le parole dell’assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana.

Dopo un anno segnato da mesi non facili, l’estate rappresenta indubbiamente un momento di rinascita. Un’occasione per ripartire e ricominciare, anzitutto per quanto riguarda il turismo. La Sicilia è una delle terre più richieste in tal senso: grazie al suo patrimonio artistico, paesaggistico, culturale ed enogastronomico, rappresenta una meta di eccellenza, non solo per chi arriva da altre parti del mondo. Anche i siciliani hanno molto da scoprire. Alberto Samonà, assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, ha lanciato in tal senso un appello, un invito a privilegiare la Trinacria per le vacanze estive.

«Questa estate – ha detto Samonà – restiamo in Sicilia per scoprire i tesori immensi della nostra terra e far girare l’economia dell’Isola. I mesi duri dell’emergenza pandemica che hanno condizionato tantissimo la nostra vita non hanno fermato il mondo della cultura e, da Siciliani, possiamo adesso approfittare di questo periodo estivo per ammirare le bellezze culturali della Sicilia, uniche al mondo, ma anche per riscoprire le nostre tipicità e luoghi incantevoli che tutti ci invidiano». Ed ecco cosa ha aggiunto.

«Quella in Sicilia è una vacanza completa, perché associa in un unicum straordinario cultura, mare, montagna, scenari naturalistici, borghi fra i più belli d’Italia, buon cibo, buon vino e un clima perfetto. Scegliendo la Sicilia nutriamo la nostra anima e aiutiamo la nostra gente. In molti, poi, non potranno andare in vacanza a causa delle difficoltà economiche aggravate dalla pandemia: anche per questa ragione, riscoprire la Sicilia, soprattutto oggi, ha un significato ulteriore.
Cultura, Orgoglio, Identità». Un invito, dunque, a scoprire e riscoprire una terra che ha tantissimo da raccontare. Photo by Samuel Ferrara on Unsplash.

Articoli correlati