Giuseppe Paternò, classe 1923, è stato proclamato a Palermo dottore in “Studi filosofici e storici” a quasi 97 anni. Ha ottenuto una votazione di 110 e lode. Si tratta dello studente più anziano d’Italia. Ha realizzato una tesi sui luoghi storici della città.

La sua storia ha fatto rapidamente il giro d’Italia, conquistando una grande attenzione mediatica, ma non solo. In tanti, infatti, si sono appassionati alla vicenda di Giuseppe Paternò. Raggiungendo questo traguardo, ha dimostrato che, con perseveranza, è possibile raggiungere grandi risultati e, soprattutto, che non è mai troppo tardi.

Le congratulazioni dell’Ateneo sono state espresse dal Rettore, prof. Fabrizio Micari:

“Esprimo a nome di tutta la nostra comunità accademica le più sentite ed affettuose congratulazioni per questo importante traguardo raggiunto. Abbiamo seguito fin dall’inizio la brillante carriera universitaria del dott. Paternò, che ci testimonia come con la passione e la volontà si possa raggiungere ogni risultato. Lo ringrazio per lo straordinario esempio di vita, di cultura e di determinazione che dà a tutti noi”.

Giuseppe Paternò è vedovo da anni, ma alla sua laurea c’erano i due figli, i nipoti e i pronipoti. Non è mancata, per lui, la tradizionale corona di alloro. Nei suoi progetti futuri c’è la laurea specialistica. Non possiamo che fargli tanti complimenti e augurargli di raggiungere nuovi traguardi.

Foto: Università degli Studi di Palermo

Articoli correlati