Il pane siciliano è delizioso. Chiunque abbia la fortuna di poterlo mangiare ogni giorno, sa bene quanto sia bello entrare in un panificio, sentire l’odore del pane appena sfornato e portare a casa un sacchetto dal contenuto ancora caldo e invitante.

Oggi abbiamo pensato di darvi la ricetta di un tipico formato di pane palermitano, il Torcigliato. Si tratta di una delle varietà più note e antiche: è una pasta intrecciata lavorata in modo particolare. Nella faccia anteriore, infatti, vengono praticati alcuni tagli, in modo che durante la cottura diventi più croccante e cotto.

Il risultato è croccantissimo all’esterno. Vediamo insieme come prepararlo in casa, cominciando dagli ingredienti.

  • 1 kg di farina 0
  • 1 cucchiaio di zucchero semolato
  • 4 cucchiaini di sale
  • 25 g di lievito di birra
  • 500 ml di acqua
  • semi di sesamo
  • olio extravergine d’oliva

Ed ecco il procedimento, passo dopo passo.

  1. Impastate la farina, il lievito, lo zucchero e l’acqua tiepida, per circa 10 minuti.
  2. Aggiungete i cucchiaini di sale e mezzo bicchiere d’olio d’oliva, continuano a impastare.
  3. Il risultato deve essere una pasta morbida ed elastica, liscia.
  4. Formate una palla con l’impasto e mettete a riposare. L’impasto deve raddoppiare il suo volume, dentro una ciotola con una spolverata di farina, coperta con pellicola e un canovaccio.
  5. Dividete l’impasto in panetti da 250 g.
  6. Spargete un po’ di olio sul piano di lavoro, in modo che l’impasto non si attacchi (attenzione, deve essere davvero poco!).
  7. Create un rotolo con l’impasto e date la forma del Torcigliato.
  8. Mettete il pane su una placca da forno leggermente infarinata e fate lievitare ancora, fino al raddoppio del volume, coprendo con un canovaccio.
  9. Preriscaldate il forno a 250°, mettendo un pentolino d’acqua alla base del forno.
  10. Spennellate con poca acqua la superficie del pane e capovolgete sui semi di sesamo, in modo che aderisca.
  11. Fate cuocere in forno (ci vorranno circa 15 minuti).
  12. Fate freddare e servite.

Buon appetito!

Foto di Roberto Falsone