Continua a tremare la terra sull’Etna. Nella notte tra martedì 17 e mercoledì 18 dicembre è stata registrata una nuova scossa di terremoto di magnitudo 3.7. La scossa era localizzata alle pendici nordoccidentali del vulcano.

Secondo quanto rilevato dalla strumentazione dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, il terremoto ha avuto ipocentro a 22 chilometri di profondità, tra Maletto e Randazzo, nel Catanese. Si è verificato alle ore 00,48. Non sono stati segnalati danni a persone o cose. I comuni più vicini all’epicentro sono Bronte, Maniace, Santa Domenica Vittoria, Roccella Valdemone e Moio Alcantara. Stando a quanto riferito, il terremoto è stato avvertito distintamente dalla popolazione.

Nelle scorse ore un’altra scossa, di magnitudo 2.5, aveva coinvolto il versante orientale del vulcano, nei pressi di Milo e a una profondità di 7 chilometri. Anche in quel caso, il sisma è stato distintamente avvertito dagli abitanti del luogo. Non si sono registrati danni a persone o cose.