Una cultivar da proteggere

  • Vaddarica di Mirto, una pianta vigorosa, ma a rischio di estinzione.
  • Le prime conoscenze scritte risalgono al 1952.
  • Si può rintracciare nei Nebrodi, frammista alla cultivar Minuta.

L’olio è una delle eccellenze di Sicilia. Il territorio è ricco di cultivar strettamente connesse ai luoghi, alcune delle quali, purtroppo, sono a rischio di estinzione. La varietà di cui vi parliamo oggi è un’eccellenza da proteggere e tutelare: si chiama Vaddarica.

Le prime conoscenze su questa oliva sono state firmate da due pionieri dello studio dell’olivicoltura siciliana: Vincenzo Bottari e Paolo Spina. I due ricercatori della Stazione Sperimentale di Frutticultura e Agrumicultura di Acireale, pubblicarono un dossier nel 1952. Il testo, “Le varietà di olivo coltivate in Sicilia“, comprendeva l’individuazione e la descrizione di 19 cultivar nel territorio agricolo della regione. Di queste, alcune erano presenti a livello comprensoriale, altre come singole piante.

Vaddarita di Mirto, gioiello dei Nebrodi

A queste ultime appartiene la cultivar di cui parliamo oggi, rintracciata nei territori tra Capo d’Orlando e Sant’Agata di Militello (Messina). Si trova ancora nei territori dei Nebrodi. Una delle zone in cui si riscontra con frequenza, frammista alla Minuta, è Mirto. Da qui il nome Vaddarica di Mirto. Si conosce anche come “Scarsitta”.

Le piante sono vigorose, con chiome compatte. I frutti hanno un peso che può superare i 4 grammi e sono di forma ellittica. Stessa forma per le foglie, di lunghezza e larghezza medie. La lamina è di colore verde chiaro, sia nella parte superiore che in quella inferiore. L’olio di Vaddarica è molto interessante, ecco perché.

Sebbene la resa sia nella media tra l’11 e il 15%, ci sono caratteristiche particolari sotto l’aspetto analitico e sensoriale. L’olio ha sentori di cicoria e finocchio selvatico. La produzione è precoce perché, nei territori costieri, le drupe maturano a settembre inoltrato.

Il comune di Mirto è tradizionalmente vocato all’olivicoltura. La Vaddarica di Mirto può rappresentare una cultivar di grande interesse, non solo per l’olio, ma anche per il consumo in tavola. Potrebbero prodursi olive nere o verdi, da utilizzare con diverse interpretazioni in cucina. Foto: Marco VerchLicenza.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati