La Guastedda Ennese è un’antica focaccia siciliana. Le sue origini sono probabilmente medievali e differisce dalle guastedde che si preparano in altre parti dell’isola perché viene condita prima di essere infornata.

L’impasto è quello per focacce, con farina di grano duro, acqua, lievito di birra e un pizzico di sale. Si spiana con le mani e si dispone su una teglia unta d’olio da mettere in forno (c’è anche una versione fritta).

Le versioni più note sono due: la prima include primosale e ciccioli di maiale. La seconda, invece, carciofi, acciughe sottolio, ricotta salata, sale, pepe e olio extravergine d’oliva.

Ingredienti

  • 600 g di pasta per focacce;
  • 300 g di ciccioli di maiale;
  • 300 g di primosale fresco;
  • olio extravergine d’oliva;
  • sale e pepe

Procedimento

  1. Lavorate brevemente la pasta e stendetela in due sfoglie.
  2. Disponete le sfoglie in una teglia unta.
  3. Distribuite al centro, ben mescolati, i ciccioli, il formaggio, una presa di sale e un pizzico di pepe.
  4. Ricoprite con la pasta rimasta e spennellate la superficie con un cucchiaio d’olio, che avrete mescolato con un cucchiaio d’acqua.
  5. Fate riposare per 40 minuti e cuocete nel forno caldo, a 220°, per 45-50 minuti.
  6. Lasciate intiepidire la focaccia, coperta, prima di servire.

Buon appetito!

Articoli correlati