La storia dietro la canzone dei Calandra&Calandra.

Si dice spesso che la cucina abbia un valore terapeutico, che sia in grado di aiutare il corpo e lo spirito. La vicenda che vi raccontiamo oggi conferma che, effettivamente, spesso la rinascita passa proprio dalla tavola. È la storia di Vito, un alcamese di 43 anni che soffre di depressione da quando ha perso la madre, cioè da 7 anni. È stato lui a chiedere ai fratelli Calandra  – Calandra&Calandra – cantanti folk alcamesi, di scrivere una canzone su questa sua “guarigione”. Aveva deciso di lasciarsi andare specie: non usciva più di casa, quasi non parlava più, mangiava e ingrassava, aveva capelli e barba lunghi, trascorreva giornate davanti alla tv, prendeva antidepressivi.

Pasta con le Sarde, cura del corpo e dello spirito

L’anziano padre con cui vive, disperato, le ha provate tutte. Per i pasti spesso comprava del cibo già pronto e, un giorno, ha portato a casa un piatto di pasta con le sarde acquistato in una gastronomia di Alcamo. Vito si è seduto a tavola e quel piatto ha riacceso qualcosa in lui. Ha chiesto con insistenza al padre dove avesse comprato quella pasta, chi l’avesse cucinata: voleva conoscerlo e ringraziarlo. Il padre lo ha accompagnato nella gastronomia. Vito ha cominciato a frequentare assiduamente il locale, si è confidato dei suoi problemi con i titolari che, piano piano ed entrando in confidenza, lo hanno spronato a prendersi cura di sé. Vito ha tagliato i capelli e la barba, è dimagrito, si è vestito sempre meglio. E non è finita qui.

Due mesi fa ha visto su YouTube un video del duo folk alcamese dei Calandra&Calandra. Si è messo in contatto i fratelli Maurizio e Giuseppe Calandra, insistendo per fargli scrivere una canzone sulla sua storia e anche per realizzare un video. «Quando abbiamo ascoltato il suo racconto – dicono i fratelli Calandra – abbiamo avanzato forti dubbi sull’opportunità di raccontare una cosa seria come la depressione con la pasta con le sarde: lui ci ha dato ragione ma ci ha detto che era la pura verità. Nonostante i nostri dubbi ci siamo messi al lavoro e dopo due giorni e due notti in studio di registrazione abbiamo scritto, musicato e arrangiato il brano “Mi chiamu Vitu“». Foto: Stijn Nieuwendijk – (CC BY-NC-ND 2.0).

 

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati