Pasta siringata… che cosa sarà mai? Una ricetta siciliana tutta da provare, perfetta per rendere ancora più dolci i giorni del Carnevale. È tipica di Barrafranca, in provincia di Enna. Cosa è e come si fa in casa: ingredienti e procedimento.

Cosa è la Pasta Siringata siciliana

Ogni festa in Sicilia ha un sapore diverso. Quando arriva il Carnevale, ad esempio, non possono proprio mancare le specialità fritte e ricoperte di zucchero. Da una parte all’altra della nostra bellissima Isola, esistono tante ricette per preparare dolci che piacciono a grandi e piccini.

Anche gli adulti, infatti, non possono resistere di fronte a queste specialità, che fanno subito tornare bambini. Oggi facciamo tappa a Barrafranca, in provincia di Enna, per preparare la Pasta Siringata. Se il nome non vi dice nulla, non vi preoccupate: siamo qui proprio per farvela conoscere.

Il nome del dolce deriva dalla tecnica che si utilizza per prepararlo. Viene realizzato un impasto che si tuffa nell’olio bollente, direttamente dalla siringa per pasticcieri. A Barrafranca viene anche accompagnato dal miele. Esiste anche un altro tipo di Siringata, quella alla ricotta, che però è tipica del Siracusano. Oggi ci fermiamo in provincia di Enna: mettiamoci subito ai fornelli.

Ricetta della Pasta Siringata di Barrafranca

Ingredienti

  • Farina, 125 g;
  • Acqua, 250 ml;
  • Uova, 3;
  • Zucchero semolato, 1 cucchiaio;
  • Strutto, 60 g circa;
  • Vaniglina, 1 pizzico;
  • Olio per friggere;
  • Altro zucchero semolato per guarnire.

Procedimento

  1. Per fare le Paste Siringate, dovete anzitutto scaldare l’acqua, quindi unire lo strutto e lo zucchero.
  2. Prima che l’acqua raggiunga il bollore, incorporate la farina e continuate a mescolare, fino a quando l’impasto non si staccherà dai bordi del pentolino.
  3. Spegnete il fuoco e fate freddare.
  4. Quando la pasta sarà fredda, unite le uova, una alla volta. Aggiungete l’uovo successivo solo quando quello precedente è stato assorbito.
  5. L’impasto deve essere molto denso.
  6. Riempite la siringa da pasticciere, quindi fate uscire dei bastoncini corti di impasto, tuffandoli direttamente nell’olio bollente.
  7. Friggete, fate scolare su carta assorbente e passate subito nello zucchero semolato. Se vi piace, potete unire allo zucchero semolato anche della cannella.
  8. . In alternativa, potete anche passare le paste nello zucchero semolato, subito dopo la cottura.

Buon appetito e buon Carnevale! Foto: Juan Mejuto – Licenza.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati