Si putìssi, canciàssi certi menti…

  • Una poesia siciliana alla quale affidiamo i nostri desideri più profondi.
  • I versi di Giuseppe Lodato, ancora una volta, danno voce a quello che custodiamo nel nostro cuore.
  • La lingua siciliana rende tutto ancora più musicale: da leggere tutto d’un fiato.

Soltanto la poesia sa leggere nel nostro cuore. I versi rendono le parole musicali e danno voce a quello che custodiamo nel profondo in frasi ricche di bellezza. Vogliamo condividere con voi questa poesia siciliana firmata da Giuseppe Lodato, perché pensiamo ci sia bisogno di ricordarci dei nostri desideri, delle nostre speranze e di quello che vorremmo per il nostro bene. La lingua siciliana è un mezzo meraviglioso per parlare di argomenti così alti e profondi. Ci piace pensare che, attraverso questi versi, i vostri desideri possano avverarsi.

Giuseppe Lodato è nato e cresciuto a Salemi e oggi vive ad Alcamo. È dottore in economia e commercio e terziario francescano. Nel 2019 ha pubblicato il suo primo libro: “Salemi viaggio in un passato impresso in cartoline, versi e racconti” (edizioni Nova Millennium Romae).

“Si putissi” poesia siciliana

Si putìssi, canciàssi certi menti,
chi nun canùscinu li veri sintimènti.

Si putìssi, livàssi lu dulùri,
chi ‘ntà sta terra hannu li criatùri.

Si putìssi, mittìssi un pocu d’amùri,
rintra ‘di cori chi unn’ hannu calùri.

Si putìssi, vuciàssi a tutti chiddi chi hannu putìri,
dicènnuci chi li sordi quannu mòrinu l’hannu a lassàri iri.

Si putìssi, purtàssi ‘nanticchièdda di luci,
dunni ci sunnu làcrimi e cruci.

Si putìssi, dassi curàggiu nun sulu a mia,
ma a tutti chiddi chi lu ristìnu mi metti pì la via.

Si putìssi, fàcissi tanti di ddi così,
chi la vita pi mia nun vosi.

Si putìssi, turnàssi arrè nicarèddu,
pi crìriri ancora chi lu munnu è beddu.

Si putìssi, dicìssi a tutti chi la vita è un ciùsciu,
e ora è inùtili chi fannu tuttu stu scrùsciu.

Si putìssi, canciàssi, livàssi, mittìssi, vuciàssi;
purtàssi, dassi, fàcissi, turnàssi, dicìssi.

Quantu così fàcissi,
si sulu putissi!

Poesia di Giuseppe Lodato – Foto di Carlo Greco

Articoli correlati