Una dolce poesia siciliana.

  • La lingua siciliana diventa musica, quando diventa poesia.
  • I versi di Giuseppe Lodato, ancora una volta, riescono a toccare le corde dell’anima.
  • Sono da leggere tutto d’un fiato.

La poesia siciliana sa scavare nell’animo umano, sa toccare le corde profonde del nostro cuore, risvegliando sentimenti che pensavamo fossero sopiti. Il componimento che vi presentiamo oggi è stato creato da Giuseppe Lodato e si intitola “Cori miu”. Si tratta di un dolce e struggente canto, da leggere tutto d’un fiato. Soprattutto in tempi come questi, è bello scoprire (o riscoprire) la musicalità della lingua siciliana e lasciarsi cullare da parole profonde. Giuseppe Lodato è nato e cresciuto a Salemi e oggi vive ad Alcamo. È dottore in economia e commercio e terziario francescano. Nel 2019 ha pubblicato il suo primo libro: “Salemi viaggio in un passato impresso in cartoline, versi e racconti” (edizioni Nova Millennium Romae).

Cori miu di Giuseppe Lodato

Cori miu, nun chiànciri p’amùri,
ci su cosi cchiù ‘mpurtànti, pi favùri.
Lu tempu ‘nta sta vita è cosa priziùsa,
lìbbira la tò menti quannu è troppu cunfùsa.

Cori miu, cu veru t’ama a centu mìgghia lu viri,
picchì senza di tia nun pò nè vìviri e nè murìri.
Di comu ti talìa si ti voli beni lu capìsci,
ti cunsòla, ti sustèni e ti cumpatìsci.

Cori miu, ci pensu iu a tia,
nun timìri quannu si pi la via.
La strata è china di cristiàni fàvusi,
chi sulu pì fiùra pòrtanu li càvusi.

Cori miu, nun mi lassàri,
chi lu me cori ti voli parràri.
T’avì a diri un saccu di così,
anchi si la vita unn’è sulu rosi.

Cori miu, cu nasci tunnu nun pò mòriri quatràtu,
si ci stai acciàncu perdi sulu tempu e ciàtu.
Cù t’ama veru sangu miu lu capisci,
dicìanu giustu l’antìchi l’àmuri unn’è broru di pisci.

Cori miu, cu t’ama teni a la tò vita chiossài di chidda sua,
picchì la sò vita oramài è chidda tua.
Un ti scantàri chi è sulu questioni di tempu,
arriva sempri lu sirènu doppu lu ventu.

Foto di Corrado Bevilacqua

Articoli correlati