Una poesia siciliana: ‘U Bambineddu.

  • Riceviamo e pubblichiamo volentieri una poesia inviataci dalla nostra lettrice Rosa Maria Chiarello.
  • Si tratta di un componimento dedicato alle festività natalizie, ma non solo.
  • Dalla notte di Natale e dalla nascita del Bambinello, infatti, parte un messaggio di speranza su cui possiamo sempre fare affidamento.

Siamo sempre contenti di ricevere le poesie siciliane dei nostri lettori. Oggi ve ne proponiamo una inviata da Rosa Maria Chiarello, tratta dal suo libro “L’attesa”. È un componimento  dedicato alle festività natalizie, ma non solo. Proprio la nascita di Gesù, infatti, si trasforma in un messaggio di speranza valido durante tutto l’anno, in grado di ascoltare i desideri di ognuno di noi. Una poesia in lingua siciliana è sempre un ottimo modo per conoscere meglio la nostra isola, le sue tradizioni e la sua cultura. Non indugiamo oltre con le introduzioni, vi lasciamo alla poesia di Rosa Maria Chiarello.

‘U Bambineddu scinniu du cielu
dintra na’ capannuzza si vosi ripusari
cu’ Maria e San Giusippuzzu
si vosi quariari
‘ncapu u’ lettu di pagghia si vosi curcari.
I pasturedda scinneru da’ muntagna
a la notizia ca nasciu u Bambineddu
e guirati di la Stidda Cumeta
tanti riali ci vosiru purtari.
U Signuruzzu vinni
pi purtari paci e amuri
ni’ sta terra d’infernu,
ma l’omini si sa, su’ malvagi
n’ucrideru a so’ santità
e u perseguitaru
u misiru in cruci
e fra stramini e bestemmi
spirau fra l’ancili beddi.
Dopu tri jorni arrinisciu
e ‘n cielu sinni iu.
Ora nni talia e nni veni in succursu
si cu’ fedi ‘nvucammu u so aiutu.
Gesuzzu beddu accumpagnami pi la via
e si haiu bisognu pensaci tu pi mia.

Articoli correlati