Specialità siciliana tra pizza e sfincione.

  • Ricetta della Faccia di Vecchia.
  • Si tratta di una sorta di pizza, anche se non è proprio corretto chiamarla così.
  • È tipica di Torretta, in provincia di Palermo: ecco come si prepara.

Quando si pensa alle ricette tipiche siciliane, si pensa quasi subito a piatti come sfincione, rosticceria e focacce. Se avete avuto la fortuna di entrare in un qualsiasi panificio in Sicilia, allora sapete bene di cosa stiamo parlando. I banconi sono un vero tripudio di delizie da forno. Questa abbondanza deriva dalla grande offerta che proviene dalla tradizionale cucina siciliana. Affinché il nostro viaggio tra gli antichi sapori della nostra regione sia completo, dobbiamo necessariamente presentarvi un prodotto davvero speciale, a partire dal nome: la Faccia di Vecchia. Cosa è e, soprattutto, perché si chiama così? Ve lo spieghiamo subito.

Si tratta di una via di mezzo tra la pizza e lo sfincione. La pasta è morbida, ma non è spessa e spugnosa: da qui la somiglianza con la pizza. Il condimento, invece, ha un gusto intenso, grazie alla presenza di cipolle e caciocavallo: questa è la somiglianza con lo sfincione. A differenza della pizza classica, la Faccia di Vecchia ha una forma irregolare, più ovale che rotonda e, grazie alla cottura rigorosamente in forno a legna, sul condimento si creano delle bolle che le conferiscono un aspetto rugoso. Le sue origini rimangono sconosciute, ma il nome deriverebbe proprio da quell’aspetto un po’ rugoso. Questo piatto è tipico di Torretta, un paesino in provincia di Palermo.

Ricetta Faccia di Vecchia

Ingredienti

  • 1 kg di farina di semola rimacinata;
  • 500 g di farina bianca;
  • 750 ml di acqua;
  • 10 g di lievito;
  • 45 g di sale;
  • sarde salate;
  • un cucchiaino di zucchero;
  • 50 g di olio extravergine d’oliva;
  • caciocavallo stagionato;
  • pangrattato;
  • origano;
  • 4 cipolle bianche;
  • 2 litri di salsa di pomodoro;
  • pepe.

Procedimento

  1. Per fare la Faccia di Vecchia, dovete anzitutto unire farina, lievito, e zucchero, quindi aggiungete l’acqua e progressivamente anche l’olio, per creare un impasto omogeneo.
  2. Fate lievitare per qualche ora, fino a quando non avrà raddoppiato il volume.
  3. Preparate la salsa, aggiungendo l’origano.
  4. Tagliate a pezzetti il caciocavallo e le cipolle.
  5. Quando la pasta è lievitata, create tante palline e lasciate lievitare un altro po’.
  6. Create tanti panetti e conditeli con la salsa, la cipolla, le sarde a pezzetti, il pangrattato.
  7. Infornate a 200°C per circa 30 minuti.

Buon appetito!

Articoli correlati