Chi l’ha detto che la stagione migliore per godersi le spiagge siciliane sia l’estate? Ogni periodo dell’anno è perfetto per concedersi una piccola pausa su un mare cristallino e spettacolare. La Sicilia è una terra ben nota per i suoi litorali, che propongono panorami mozzafiato.

Il punto, naturalmente, è che durante l’estate i luoghi più suggestivi sono molto affollati e quindi non è possibile apprezzare a pieno la loro bellezza. Per questo può essere una buona idea visitarle in primavera, quando le temperature miti e il sole permettono di rilassarsi, senza dover fare a gomitate per guadagnare un po’ di spazio.

Da una punta all’altra della Sicilia, le proposte sono tante e adatte a tutti.

Ecco 10 spiagge siciliane da godersi in primavera

  1. Scala dei Turchi di Realmonte (Agrigento). L’accesso alla spiaggia riapre ufficialmente ad aprile 2019. La marna bianca vi aspetta.
  2. Tonnara di Scopello (Trapani). È un suggestivo e apprezzabile angolo di Sicilia. Dopo esservi rilassati sul mare, naturalmente, non potete non gustare il classico pani cunzatu!

    Tonnara di Scopello - Foto di Renato Minerva

    Tonnara di Scopello – Foto di Renato Minerva

  3. Riserva dello Zingaro (Trapani). Bisogna passeggiare un po’, ma vi garantiamo che ne vale la pena. Scatti suggestivi, natura e uno scenario che non teme confronti.

    Riserva dello Zingaro - Foto di Natalia Naty Panatti

    Riserva dello Zingaro – Foto di Natalia Naty Panatti

  4. Riserva di Vendicari (Siracusa). Il naturale paesaggio siciliano vi accoglie in tutto il suo splendore. Siamo tra Noto e Marzamemi, in una zona che offre moltissimo: perché non organizzare un weekend?

    Riserva di Vendicari - Foto di Michele Maiolatesi

    Riserva di Vendicari – Foto di Michele Maiolatesi

  5. Capo Bianco a Porto Empedocle (Agrigento). È uno sperone di roccia bianco che si getta nel mar Mediterraneo presso Eraclea Minoa. È situata nel comune di Cattolica Eraclea (Agrigento) tra il borgo balneare di Eraclea Minoa e la foce del fiume Platani.
  6. Riserva dello Stagnone di Marsala. Tappa irrinunciabile, per godere di tramonti che assumono i colori più caldi e belli. I profili dei mulini completano un paesaggio perfetto.

    Lo Stagnone - Foto di Fede Pizzurro

    Lo Stagnone – Foto di Fede Pizzurro

  7. Isola Bella di Taormina (Messina). L’esigua distanza dalla costa a volte, a causa della marea, si annulla, rendendola una penisola. È chiamata anche la “perla del Mediterraneo”. Il nome fu coniato dal barone tedesco, Wilhelm von Gloeden, che diffuse in tutto il mondo il valore artistico dell’isola balneare di Eraclea Minoa e la foce del fiume Platani.
  8. Mondello (Palermo). La borgata marinara a due passi dal capoluogo siciliano regala una lunga spiaggia di soffice sabbia. Fermatevi e stendetevi sotto il sole, non ve ne pentirete!
  9. San Vito Lo Capo (Trapani). Potevamo dimenticare la deliziosa San Vito Lo Capo? Anche in questo caso, si tratta di una lunga e accogliente spiaggia. Tra una passeggiata in paese e una sosta sotto il sole, non vorrete andare più via.
  10. Riserva naturale orientata Laghetti di Marinello (Messina). Situata sotto il promontorio del Santuario di Tindari, è davvero suggestiva.