Strano fenomeno ieri sera a San Leone, frazione balneare di Agrigento. Dentro il porticciolo turistico le acque sono state come “aspirate” verso il mare aperto. A parlare di quanto accaduto è l’associazione Mareamico.

Ben presto il livello delle acque all’interno del porto si è abbassato di circa 1 metro rispetto al normale livello, rendendo visibili scogli che normalmente appaiono sommersi e si sono visti diversi gorghi d’acqua impressionanti.

È la prima volta che questo fenomeno si registra ad Agrigento e, secondo l’associazione, questa repentina, imprevedibile e sensibile variazione del livello del mare potrebbe essersi trattato di Marrobbio.

Il marrobbio o marrùbbio è una repentina, imprevedibile e sensibile variazione del livello del mare. Questo fenomeno può assumere notevoli proporzioni, soprattutto in primavera ed in autunno. È raro in estate.

In Italia è riscontrabile lungo le coste della Sicilia occidentale nella zona di Trapani, nella Sicilia meridionale (Pozzallo e isola di Lampedusa) ed anche a Malta. Nel fiume Màzaro, a volte l’acqua del mare entra nel fiume nella parte centrale del letto ed esce contemporaneamente dai lati del letto del fiume, provocando seri danni alle imbarcazioni ormeggiate.