Tra le montagne di Santo Stefano di Quisquina, in provincia di Agrigento, c’è un teatro unico nel suo genere, con una stupenda vista, totalmente all’aria aperta. Stiamo parlando del Teatro di Andromeda, nato grazie a un’idea di Lorenzo Reina. Reina, per volontà del padre, è un pastore, ma avrebbe voluto essere un artista.

Trent’anni fa stava portando al pascolo il suo gregge, quando si è trovato davanti questo luogo carico di fascino. Un belvedere naturale, a circa 1000 metri sul livello del mare, dal quale si gode di una vista spettacolare. Così, decise di creare un teatro all’aperto, con 108 blocchi di sedia come sedili, collocati in modo da ricreare la posizione delle stelle della costellazione di Andromeda.

Oggi il Teatro di Andromeda, che è anche arricchito dalle sculture di Reina, incanta tantissimi turisti provenienti da tutto il mondo, che sono attratti dalle sue caratteristiche e dall’atmosfera. L’opera di Lorenzo Reina è stata riconosciuta come un’opera d’arte a tutti gli effetti.

Nella cosiddetta Fattoria dell’Arte ci sono anche numerose sculture, che si fondono con la natura circostante, e un museo a pianta ottagonale. La scenografia è suggestiva: ci sono le pietre geometriche dei sedili e del proscenio, che si contrappongono alle rocce grezze. Reina è stato anche invitato a partecipare alla XVI edizione della Biennale internazionale di Architettura.