Una nuova poesia siciliana da scoprire insieme.

  • Ancora una volta i versi di Giuseppe Lodato ci rivelano una grande verità.
  • Stavolta si parla del valore del tempo, il tempo che passa e ci fa crescere.
  • Questo componimento in lingua siciliana è una bellissima perla di saggezza.

Lo abbiamo già detto e lo ripetiamo: la lingua siciliana ha una bellissima musicalità. Quando, poi, quelle parole diventano poesia, si crea un’alchimia unica, fatta di suono e tradizione. Vi proponiamo una poesia di Giuseppe Lodato dal titolo “Rota chi gira”. Ancora una volta, si tratta di un componimento profondo e sensibile, che ci fa riflettere e ci offre uno spunto per pensare. Mai come adesso, in un periodo storico che ci mette tutti alla prova, è davvero importante fermarsi un po’ e mettere di lato, almeno per qualche minuto, il trambusto in cui viviamo ogni giorno. La poesia di oggi ci racconta di come cambino le cose con il passare degli anni, di come si impari a vivere la vita e gli eventi in modo sempre diverso. Non indugiamo oltre con le introduzioni, vi lasciamo alle parole di Giuseppe Lodato.

Rota chi gira di Giuseppe Lodato

Quannu nasci tutti ti vonnu strìnciri e vasàri,
tutti ti vonnu mèttiri ‘ncoddù e abbrazzàri.

Tutti t’aiùtanu a cuminciàri a caminàri,
e fetu nun ‘ni sèntinu si t’hannu a canciàri.

A vint’anni pensi chi pì sempri a campàri,
e nuddu e nenti ti ponnu firmàri.

Rota chi gira nun ti lu scurdàri,
mi ricìa me nonna pi fàrimi pinsàri.

Criscènnu pensi sulu a travagghiàri,
e a la vicchiàia un ci pensi chi pò arrivàri.

Di soccu havi la genti nun t’inviriàri,
tantu tuttu prima o poi amu a lassàri.

Pensi a quannu piccirìddu t’aliàvi a l’àvutri ‘nvicchiàri,
e pinsàvi chi a tìa nun t’havìa mai a tuccàri.

Quattru sordi di latu cùminci a sarvàri,
picchi di li malatìi ti cumìnci a scantari.

Ora capìsciu soccu me nonna mi vulìa ‘nsignàri:
chi la vita è sulu ‘na rota chi gira e nun si può firmàri.

Foto: Giuseppe Famiani

Articoli correlati