Il menu siciliano per il 2 novembre

  • Cosa si mangia per la Festa dei Morti in Sicilia?
  • Nel giorno della Commemorazione dei Defunti, si rinnovano tante tradizioni.
  • I bimbi trovano il Cannistru e i regali, gli adulti si lasciano andare ai ricordi più dolci.

La Festa dei Morti, il 2 novembre, è un appuntamento molto sentito in Sicilia. Nella notte tra l’1 e il 2, i defunti lasciano regali e doni per i bimbi, mantenendo il legame con i propri cari. La nostra isola è uno dei pochi posti, in tutto il mondo, in cui si mantengono vive determinate tradizioni in questa giornata. Le celebrazioni, naturalmente, passano anche (e soprattutto) dalla tavola: ecco come.

Cosa si mangia per la Festa dei Morti in Sicilia

I bimbi, al risveglio, trovano dolci e leccornie. Molte famiglie preparano ancora il “cannistru”, cioè un cesto con biscotti, dolcetti, frutta di Martorana e frutta secca. Non mancano, poi, giocattoli e regalini. Un tempo i doni erano soprattutto utili, come abbigliamento e scarpe. Oggi si preferisce regalare giocattolini, ma c’è sempre chi associa tipologie diverse di doni. Anche gli adulti, naturalmente, approfittano della ricorrenza per mangiare i cibi della tradizione: cosa si mangia per la Festa dei Morti in Sicilia?

Nel giorno del 2 novembre sono immancabili le classiche Muffulette, cioè le pagnotte di pane (con o senza semi di sesamo), condite con olio, acciughe e formaggio. La tradizione vuole anche che si preparino delle zuppe della tradizione rustica, a base di ceci. C’è, poi, chi non rinuncerebbe mai al delizioso macco di fave secche: una crema a base di fave, che si può anche accompagnare con la pasta. Sapete perché proprio i legumi? Perché, nell’antichità, si pensava che lì abitassero le anime dei defunti. E non finisce certo qui.

Per la Commemorazione dei Defunti, in Sicilia non possono e non devono mancare tantissimi dolci. Si tratta dei classici, come Pupi di Zucchero, Frutta di Martorana, Tetù e Teio, Taralli Ossa di Morto, Rame di Napoli e Nucatoli. Il tutto, naturalmente, accompagnato da tanta e buonissima frutta secca.

Menù della Festa dei Morti in Sicilia

  1. Muffulette – Si tratta di pagnottelle di pane, molto leggere. Possono essere o meno ricoperte di semi di sesamo. Si condiscono in modo diverso, a seconda della provincia siciliana in cui si servono. La versione più classica e diffusa, il 2 novembre, è con olio, pepe, sale, acciughe e formaggio.
  2. Macco di fave secche – Si tratta di una deliziosa crema preparata con i legumi. Si può anche cucinare con le fave fresche ma, naturalmente, novembre non è stagione! Ha un gusto molto buono e va benissimo sia da sola, che insieme alla pasta. Qualora vi avanzasse, il giorno dopo, è buonissima fritta (qui la ricetta).
  3. Zuppa di ceci – Forse non tutti lo sanno ma, già nel Medioevo, per il giorno dei Morti i ceci e le fave venivano distribuiti ai poveri. Ovviamente, esistono molte versioni di questa zuppa, ma ciò che non cambia è la sua bontà.
  4. Taralli – Sono dolci biscotti a forma di ciambelline, ricoperti di glassa e aromatizzati al limone.
  5. Tetù e Teio (o Biscotti Totò) – Molto simili ai taralli, si differenziano per gli aromi utilizzati. Sono al cacao, oppure con una glassa bianca.
  6. Ossa di Morto – Si tratta di biscotti semplicissimi, ma un po’ lunghi da preparare. A causa della cottura e del procedimento, assumono proprio l’aspetto di “ossa”.
  7. Rame di Napoli – Altri soffici biscotti, ricoperti di glassa al cacao. All’interno possono avere marmellata o creme di vario tipo.
  8. Nucatoli – A seconda dell’area in cui si preparano, possono avere forme e ripieni diversi. Includono sempre una conserva e un impasto sottile.
  9. Pupi di Zucchero (o Pupaccena) – Sono vere e proprie statuine di zucchero. Nella forma, richiamano paladini, fanciulle o anche personaggi dei cartoni animati.
  10. Frutta di Martorana – Coloratissima e a base di pasta di mandorle, si mangia anzitutto con lo sguardo. Dolce, da “spizzuliare” un po’ alla volta (cioè da mangiare un pezzetto alla volta).
  11. Frutta secca – Nucidde (nocciole), mandorle, pistacchi, calia e semenza: non è il 2 novembre, se non c’è anche questo! Ora che sappiamo cosa si mangia per la Festa dei Morti in Sicilia, non resta che provare di tutto un po’.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati