Tradizione e cucina: cosa si mangia per la Festa dei Morti in Sicilia.

  • La ricorrenza della Commemorazione dei Defunti è molto sentita e partecipata sull’isola.
  • Il 2 novembre si rinnovano tradizioni legate alla famiglia e molte di queste passano, naturalmente, dalla tavola.
  • I bimbi ricevono dolci dalle persone care che non ci sono più, mantenendo il legame con il passato.

Il 2 novembre ricade la Festa dei Morti e, nella notte tra 1 e 2, si rinnovano tantissime tradizioni. Questa festività è legata al ricordo delle persone care che non ci sono più. È un modo per esorcizzare la paura della morte e anche per mantenere un profondo legame con chi ci ha lasciato. In Sicilia le celebrazioni passano anche dalla tavola. In particolare, i bimbi ricevono dolci e leccornie, che conquistano anche i più grandi. Vi sono anche alcuni piatti salati, come le zuppe, che appartengono alla tradizione rustica. Abbiamo pensato di scoprire insieme cosa si mangia per la Festa dei Morti in Sicilia perché la cucina è una parte importante della cultura di una regione. Non si può dire che esista un vero e proprio menù della Festa dei Morti, ma ci sono alcuni piatti che non possono e non devono mancare nella giornata del 2 novembre. I grandi protagonisti, naturalmente, sono i dolci siciliani.

Menù della Festa dei Morti in Sicilia

  • Macco di Fave
    Il macco di fave è una tipica preparazione siciliana a base di fave. Si tratta di una crema realizzata con i legumi, alla quale si può anche aggiungere la pasta.
  • Zuppa di ceci
    Forse non tutti lo sanno, ma già nel Medioevo nel giorno dei morti i ceci e le fave venivano distribuiti ai poveri. Ovviamente, esistono molte versioni di questa zuppa, ma ciò che non cambia è la sua bontà.
  • Muffulette
    Le muffulette sono focacce di pane casereccio, piatte, che si condiscono generalmente con olio, alici sott’olio e pomodoro. Le si può condire in tantissimi modi, a seconda del proprio gusto. Si tratta di un piatto semplicissimo e buono: il pane è caldo e fragrante, il ripieno gustoso.
  • Dolci dei Morti
    Come abbiamo anticipato, i dolci sono grandi protagonisti. Tra quelli più tipici troviamo i Pupi di Zucchero, la Frutta di Martorana, i Tetù e Teio, le Ossa di Morto, le Rame di Napoli e i Nucatoli.
  • Frutta secca
    Anche la frutta secca è molto apprezzata e la si trova spesso nel classico “panaro“, il cestino donato ai bambini.

Articoli correlati