Assabbinìrica, un’amatissima parola siciliana.

  • Una poesia siciliana di Giuseppe Lodato ci offre l’occasione per tornare a parlare di un termine della tradizione.
  • Sabbinirica: non solo un saluto, ma anche una forma di rispetto e un augurio.
  • Proseguiamo il nostro viaggio alla scoperta della Sicilia più autentica.

Alcune delle parole siciliane più belle hanno un significato che va ben oltre quello letterale. Quando appartengono alla tradizione, ci portano indietro nel tempo e ci raccontano la nostra isola sotto una luce diversa. Sono parole che ci fanno pensare ai nonni, all’infanzia, a periodi in cui tutto era diverso. Tra queste, merita indubbiamente un posto speciale il termine Assabbinìrica. Non sono un saluto, ma anche una forma di rispetto e un augurio che prende la forma di una benedizione. “Che tu sia benedetto”: si può tradurre così, ma siamo certi del fatto che è nella sua forma originaria che racchiude tutta la forza della nostra bellissima Sicilia. A ricordarci l’importanza di questa parola è una poesia di Giuseppe Lodato. Un componimento che nasce dal cuore e unisce passato e presente. Siamo certi che vi piacerà.

Assabbinìrica di Giuseppe Lodato

Quann’eru nicu la cosa chi cchiù ri tutti sèntiri mi piacìa,
era quannu assabbinìrica me patri a me nonna ci ricìa.
Lu sensu bonu di stà pàrola nun la capìa,
ma a me nonna tantu cuntènta la facìa.

A tempi antìchi lu rispèttu era cchiù forti,
e lì vicchiarèddi anchi scarsi l’amàvi finu a la morti.
Avìlli rintra unn’era un pisu,
ti ràvanu cunsìgghi e mittìanu lu surrìsu.

Cù lu tempu càpivi chi era ‘na biniriziòni,
e chi a cú la ricivìa ci rava prutiziòni.
Quantu addisiàssi sèntimi diri ancora ‘na vota di me nonna binirittèddu,
picchì mi fàcia sèntiri ‘mpurtànti, amàtu e beddu.

Ci sunnu cosi chi ti fannu sèntiri ciàvuru di casa,
assabbinìrica avi lu stessu sapùri di ‘na vucca chi ti vasa.
È pròpriu veru chi ci sunnu cosi chi ti porti ‘nta lu cori,
di quannu nasci finu a quannu mori.

Articoli correlati