Ogni periodo dell'anno è quello giusto per partecipare a una delle tante sagre in Sicilia ma, in particolare in autunno, si moltiplicano gli appuntamenti alla scoperta del territorio e delle sue specialità. L'occasione è più che ghiotta per quanti vogliono ammirare lo stupendo paesaggio siciliano che si tinge delle calde tinte autunnali: le colline e le zone di montagna offrono scorci mozzafiato, resi ancora più belli dai colori che virano sul rosso e l'arancione. Feste e sagre in Sicilia rappresentano un appuntamento irrinunciabile per tantissimi turisti e, soprattutto, per gli stessi abitanti dell'isola, che ne approfittano per scoprire piccoli gioielli dell'enogastronomia. Da una provincia all'altra, c'è solo l'imbarazzo della scelta.

Gustare prodotti tipici siciliani

Principale desiderio di quanti partecipano alle tante sagre che offre la Sicilia è scoprire prodotti tipici siciliani. La produzione dell'isola, come è noto, è molto varia: dal dolce al salato, si va icontro alle esigenze di tutti i palati, grazie a una tradizione radicata nel territorio che sa mettere a frutto tante eccellenze. Le aziende di prodotti tipici siciliani hanno fatto delle eccellenze un vero e proprio punto di forza: pasticcini, torte, dolcetti di ogni tipo, ma anche focacce, pizze e liquori deliziano ogni visitatore. Per fare qualche esempio, a Militello (Catania) è possibile partecipare, nella prima metà di ottobre, alla Sagra della Mostarda e del Fico d'India, mentre a Barcellona Pozzo di Gotto (Messina), sabato primo ottobre c'è l'appuntamento con "Castagnando insieme", tra degustazioni e intrattenimento. Dal 6 all'8 ottobre agira (Enna) ospita la Sagra della Cassatella e le vie dei sapori, mentre l'8 ottobre a Caccamo (Palermo) c'è la Sagra della Salsiccia. Le sagre che abbiamo elencato sono solo un piccolo assaggio, cui si possono aggiungere, ad esempio, la Sagra del Fungo dell'Etna a Pedara (CT), a partire dal 14 ottobre, o la Sagra del Suino nero e del fungo porcino dei Nebrodi a Cesarò (Messina), che si tiene nella prima metà di ottobre.

Bere degli ottimi vini siciliani

L'autunno è anche una stagione perfetta per dedicarsi alla scoperta dei vini siciliani. Tante cantine, infatti, aprono le loro porte ai visitatori, che ne possono approfittare per degustare vini bianchi siciliani e vini rossi siciliani. Scegliere quale zona visitare, dipenderà soltanto dalla volontà del viaggiatore, che potrà decidere di dedicarsi a una provincia o a un'altra. I vitigni dell'isola sono tanti e ciascuno dà vita a vini dal carattere inconfondibile. In tal senso, il consiglio che possiamo darvi è lasciarvi guidare dall'istinto.

Conoscere le tradizioni siciliane

Le sagre vanno, nella maggior parte dei casi, a braccetto con le tante tradizioni siciliane. La lavorazione e la trasformazione dei prodotti tipici, infatti, passa necessariamente attraverso una conoscenza che è stata tramandata nel corso dei secoli e affonda le radici nella cultura siciliana. Le tante dominazioni hanno lasciato un segno inconfondibile nelle usanze siciliane e le tracce del passato sono ben evidenti. Gli ingredienti utilizzati per preparare i diversi piatti, così come determinate cerimonie e precisi costumi siciliani, derivano inevitabilmente da ciò che è stato. Chiunque voglia dedicarsi alla scoperta di queste tradizioni può farlo passando proprio dal cibo, facendosi guidare in un delizioso viaggio che passa inevitabilmente dal palato.