Un totale di 300 luoghi da scoprire in tutta la Sicilia.

  • Borghi dei Tesori Festival: due weekend di tour, esperienze e visite guidate.
  • Il 2021 è l’anno dei borghi, luoghi autentici e ricchi di meraviglie.
  • Ecco come partecipare: info e biglietti.

Tour, esperienze e visite guidate: un viaggio che attraversa ben 300 luoghi da scoprire, nel corso di due weekend. Il 28 e il 29 agosto e il 4 e 5 settembre appuntamento con Borghi dei Tesori Festival. Un progetto nato sotto l’egida della Fondazione Le Vie dei Tesori che ha riunito 60 piccoli comuni della Sicilia. Un’iniziativa dedicata al cosiddetto “slow tourism”, quel turismo lento, che si gode ogni singolo dettaglio di ciò che ha intorno. Nel corso delle due settimane i borghi apriranno i loro gioielli, più o meno noti: mare e montagna, castelli e campi di grano, palazzi nobiliari e botteghe artigiane, neviere, miniere, laboratori e osservatori astronomici. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

Borghi dei Tesori Fest: tutto quello che c’è da sapere

In merito all’importanza dei borghi, il Presidente della Regione Nello Musumeci ha spiegato: «Il governo regionale in tre anni ha speso 213 milioni di euro in oltre 220 interventi per la riqualificazione dei borghi siciliani. Da qualche anno, per fortuna, si registra un ritorno ai piccoli comuni, a patto però che chi torna possa trovare servizi di qualità come la banda larga o la guardia medica. È qui che si gioca la scommessa della politica: rendere attrattivi e attraenti i borghi, ma non solo per i visitatori». Gli fanno eco le parole di Alberto Samonà, assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana: «I borghi sono il cuore della nostra storia e della nostra tradizione, rappresentano il luogo dell’identità per eccellenza in tutta l’Italia. È da qui  che dobbiamo ripartire se vogliamo costruire un futuro che rivitalizzi i territori della Sicilia». Ma come funziona Borghi dei Tesori Fest? Ve lo spieghiamo subito.

Il progetto del festival nei borghi siciliani, in pochissimo tempo, ha raccolto un elevato numero di adesioni. Sono 59 i borghi coinvolti, in  8 delle province siciliane. Il numero più cospicui è nel Palermitano, dove se contano 26. Sono 7 nell’Agrigentino, 4 nel Nisseno, 2 ciascuno per Enna,  Siracusa e Ragusa, 3 nel Catanese e 13 nel Messinese. Alcune di queste località sono già parte di rinomati circuiti turistici, mentre altre sono meno conosciute.  In ognuna è stato fatto un censimento dei luoghi da aprire alle visite. Oltre 500 giovani dei territori saranno formati all’accoglienza e alla narrazione. I borghi vedranno tour ed esperienze speciali che metteranno in luce storia e tradizioni. Il turismo esperienziale diventerà chiave di lettura, ma anche formula per creare un futuro. Sarà una rassegna smart e digitale: ecco come funziona il coupon e dove trovare tutte le info.

Dove comprare i biglietti per visitare i borghi

Borghi dei Tesori Festival prevede un unico coupon, valido per tutti i luoghi (una media di cinque siti per ciascun borgo). Sul sito www.leviedeitesori.it, sui social e sul magazine del festival si troveranno curiosità, approfondimenti e schede. Un coupon da 18 euro varrà per 10 visite; un coupon da 10 euro per 4 visite. Si possono acquistare cliccando qui, ma anche presso gli infopoint presenti nei borghi. Nelle giornate del 15 e 16 luglio ci sarà una preview del Festival. I visitatori, infatti, potranno scoprire il fortino di Mazzallakkar, a Sambuca di Sicilia. Una fortezza che, come per magia, è riemersa dalle acque del Lago Arancio. Di seguito trovate l’elenco di tutti i borghi coinvolti nell’evento de Le Vie dei Tesori.

I Borghi coinvolti nel Festival de Le Vie dei Tesori

  • Agrigento: Bivona, Burgio, Caltabellotta, Naro, Sambuca, Sant’Angelo Muxaro, Santo Stefano Quisquina.
  • Caltanissetta: Butera, Montedoro, Sutera, Vallelunga Pratameno.
  • Catania: Licodia Eubea, Militello Val di Catania, Piedimonte Etneo.
  • Enna: Centuripe, Sperlinga.
  • Messina: Castelmola, Condrò, Frazzanò, Graniti, Mirto, Monforte San Giorgio, Montalbano Elicona, Roccavaldina, San Marco d’Alunzio, San Piero Patti, San Salvatore Fitalia, Santa Lucia del Mela, Savoca.
  • Palermo: Baucina, Blufi, Bompietro, Caccamo, Castelbuono, Castellana Sicula, Castronovo, Collesano, Contessa Entellina, Gangi, Geraci Siculo, Giuliana, Godrano, Gratteri, Isnello, Lercara Friddi, Montemaggiore Belsito, Palazzo Adriano, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Polizzi Generosa, Pollina, Prizzi, Roccapalumba, San Mauro Castelverde, Vicari.
  • Ragusa: Chiaramonte Gulfi, Monterosso Almo.
  • Siracusa: Buccheri, Portopalo di Capo Passero. Foto: Dennis Jarvis – (CC BY-SA 2.0).

Articoli correlati