I tempi son proprio cambiati; è sempre più difficile fare i genitori, ancor più complicato dare ai figli una adeguata educazione. Anticamente, fin da piccoli, genitori e nonni siciliani re pronti a redarguire, minacciare, rimproverare; e poi, se inascoltati,  a passare subito alle vie di fatto.

Come tanti di voi, ne ho fatto le spese pure io nella mia infanzia ed ho ancora in mente alcune di queste frasi, chiamiamole di ammonimento, che mi piace ricordare e riproporre anche alla vostra attenzione.

I rimproveri dei nonni siciliani

  • Si t’ingagghiu ti dugnu di cozzu e cuddaru
  • Si u’nnà finisci ti fazzu tastari a curria
  • Comu arrivi a casa pigghiu u nerbu
  • Un ti scantàri ca l’hai sarbati
  • Oggi na passata di corpa un tà leva nuddu
  • Viri ca mi sta scippannu di manu
  • S’havi a perdiri u me nnomu si di ccà stasira un ti pistu
  • Ti l’ha dari a levapilu
  • Ti fazzu ‘nturciuniari comu na liama
  • A scumpariri davanti a l’occhi miò
  • Ti capuliassi tuttu

In questo momento non ne ricordo altre; ma voi eventualmente aggiungete il resto.

DNando Cimino