Gattò di patate: basta il nome di questa ricetta per fare subito venire l’acquolina in bocca. Si tratta di un piatto che appartiene alla tradizione napoletana, ma che è stato ampiamente adottato da quella siciliana. Il nome ha origine dal francese gâteau, che significa torta, e la sua storia affonda le radici nel passato. Dopo il 1768, con le nozze della regina Maria Carolina, figlia di Maria Teresa Lorena-Asbuirgo, moglie di Ferdinando I di Borbone, Napoli divenne luogo di confronto delle grandi cucine europee. La regina affidò il servizio di cucina ai “monsieurs”, i cuochi di alto rango, che i napoletani chiamavano monzu e i siciliani monsù. Così alcune pietanze partenopee e sicule assunsero denominazioni francesi. Nome a parte, una cosa è certa: il gattò di patate è un piatto ricco e gustoso, in cui gli ingredienti si uniscono alla perfezione. Patate, formaggio e salumi sono le basi della ricetta più classica, ma anche la versione con il ragù di carne è una prelibatezza. Oggi vi suggeriamo una ricetta con prosciutto cotto, mozzarella e caciocavallo.

Come fare il gattò di patate

Ingredienti

  • 1,5 kg di patate
  • 200 g prosciutto cotto
  • 250 g di mozzarella fiordilatte
  • 150 g di caciocavallo grattugiato (o parmigiano)
  • 3 uova
  • noce moscata
  • pangrattato
  • sale
  • pepe
  • olio extravergine d’oliva
  • burro

Procedimento

  1. Lessate le patate e schiacciatele con lo schiacciapatate o con un forchetta.
  2. Quando sono ancora tiepide, aggiungete alle patate setacciate una noce di burro e mescolate.
  3. Fate freddare il tutto e unite le uova, il formaggio grattugiato, il sale, il pepe ed una bella spolverata di noce moscata.
  4. Mescolate fino a ottenere un impasto omogeneo e morbido.
  5. Prendete una teglia e ungetela con dell’olio. Coprite il fondo e i bordi con il pangrattato, facendolo aderire all’olio.
  6. Create un primo strato con metà composto a base di patate.
  7. Aggiungendo le fette di prosciutto e la mozzarella fatta a pezzetti.
  8. Coprite con la restante metà di patate.
  9. Mettete del pangrattato sulla superficie e condite con dell’altro olio.
  10. Decorate la superficie anche con qualche fiocchetto di burro e poi mettete in forno già caldo a 200° per circa 25 minuti.

Buon appetito!

Articoli correlati