Gelo di carrube, lo avete mai provato? Avrete sicuramente già sentito parlare del celebre Gelo di “mellone” (sì, scritto proprio con due l), cioè di anguria ed ecco un’altra versione del dolce siciliano. Si tratta di una gelatina da mangiare al cucchiaio o da utilizzare come ripieno di altre preparazioni, ad esempio a base di pasta frolla.

Il gelo di carrube è molto diffuso nella zona del Siracusano. In generale, i prodotti della lavorazione del carrubo sono molto amati dalla tradizione siciliana. Vediamo subito come preparare la ricetta di oggi.

Ingredienti per 4 persone

  • 1,5 kg di carrube
  • 80 g di amido per dolci
  • 1 limone

Procedimento

  1. Tostate le carrube in forno, a 200°, per circa mezz’ora.
  2. Fatele intiepidire, spezzettate e trasferitele in una bacinella.
  3. Copritele d’acqua e fatele riposare per 2 giorni.
  4. Trascorso questo tempo, mettete tutto in un tegame e aggiungete altra acqua, fino a coprire completamente le carrube.
  5. Mettete sul fuoco e cuocete per una ventina di minuti.
  6. A fine cottura, schiacciate le carrube con un cucchiaio di legno e fate riposare per una notte.
  7. Filtrate e versate 1 litro di liquido in una casseruola.
  8. Stemperatevi l’amido, aggiungete la scorza di un limone intera e fate addensare, su fiamma moderata.
  9. Distribuite la gelatina negli stampini che preferite, inumiditi con acqua fredda, e mettete in frigo a solidificare.
  10. Trascorso il tempo necessario, servite.

Buon appetito!