Una nuova poesia sulla Sicilia.

  • Riceviamo e pubblichiamo una poesia firmata da Giuseppe Rizzo, dedicata alla Sicilia.
  • L’isola lascia il segno nel cuore di chi la vive, o l’ha vissuta.
  • Ecco i versi che descrivono i sentimenti che si provano nei suoi confronti.

La Sicilia è una terra straordinaria, fatta di splendore e contrasti. Una regione che riesce a ispirare e che, in un modo o nell’altro, sa sempre lasciare il segno. La poesia che trovate di seguito è stata scritta da Giuseppe Rizzo ed è come un racconto in cui passato e presente si fondono. La nostra isola è il frutto di epoche passate e ne porta ancora i segni. La sua storia l’ha resa ciò che è adesso.

La Ma Terra (Giuseppe Rizzo)

Triangolu vasatu di lu suli
e di lu mari,
unna li siculi vissiru
‘nsiemi a li sicani,
li greci ficiru templi
e poi s’arrinneru a li romani,
l’arabi a li normanni
e chisti a l’angioini,
ca pi questioni di corna
si ficiru assicutari.
Terra unna Manfredi cu Custanza
ficiru l’amuri,
e ca dopu la paci di Caltabellotta
fu vinnuta a li spagnuoli,
e Garibaldi e Bixio,
a cumannu di du navi,
sbarcarunu a Marsala
e ni consegnaru a Vittoriu Manueli.
Terra rifugiu di li dei,
unna lu mmiernu dura 24 uri
e intra un vidiri e sbidiri
l’aciddruzzi tornanu a cantari
e li miennulu a sciuriri.
Terra ca lu vulcanu talia
cu lu so tascu di nivi
li stisi di aranci e di ulivi a li so piedi.
Lu furmentu ti cummigliava d’oru
e pi tutta l’Italia partivanu li navi,
lu virdi dura un misi
e poi siccagnu s’abbruscia
iennusinni mmienzu a vampi
e acri oduri di fumu e di munnizza.
Terra di issu e surfaru,
di viddrani e mulattieri,
di puorti, varchi e piscatura,
di genti ca si sbrazza,
grandi travagliatura.
Terra di sbarchi e d’accoglienza,
di genti ca ti pruoinu na manu,
ca so chi basta pi unu basta pi cientu.
Terra matri e matrigna
ca manni li to figli
luntani a travagliari
e inchi li panzi a politici e ruffiani,
a lecchini e genti di malaffari.
Terra di Archimedi, Empedocli e Ruggeru,
di Pirandello, Sciascia e Verga,
di Falcone e Borsellinu
e di tanti atri boni cristiani
ca pi tia si ficiru ammazzari.

Articoli correlati