Quali sono i borghi siciliani più belli? Non è facile rispondere a questa domanda, perché quando parliamo di borghi in Sicilia, possiamo dare vita a un lunghissimo elenco. Che siano sul mare o circondati dalle montagne, sono avvolti da un’atmosfera unica e rara, che spinge moltissimi turisti e curiosi ad avventurarsi tra stradine, natura incontaminata e sapori autentici.

Abbiamo pensato per voi una selezione dei borghi più belli in Sicilia, così da aiutarvi nell’organizzazione di una gita o di una piccola vacanza.

Sambuca di Sicilia - Foto di Gioacchino Scrò

Sambuca di Sicilia – Foto di Gioacchino Scrò

Borghi più belli della Sicilia

  • Petralia Soprana. Siamo nel cuore del Parco delle Madonie, in provincia di Palermo. È stato Borgo più bello d’Italia nel 2018 e conquista per un perfetto mix di storia e natura. Il paesaggio è davvero imperdibile!
  • Sperlinga (Enna).Fu costruita scavando una grande arenaria e si caratterizza per le sue tante grotte. Il castello di Sperlinga è uno dei più belli d’Europa ed è davvero imperdibile.
  • Cefalù. A due passi da Palermo, proprio sul mare, custodisce il prezioso Duomo, che fa parte dell’itinerario arabo-normanno Patrimonio dell’Umanità Unesco.
  • Erice (Trapani). È senza ombra di dubbio uno dei borghi più romantici della Sicilia. Avvolto da una magica atmosfera, offre una vista straordinaria sul mare trapanese. Una gioia per gli occhi e il palato: non perdetevi i meravigliosi dolci che si preparano qui!
  • Gangi (Palermo). Dal belvedere della piazza principale, si gode una vista meravigliosa, mentre da piazza San Paolo si scorge la maestosità dell’Etna. Vanta una storia antica, che sopravvive nelle costruzioni storiche.

    Castelbuono - Foto di Marcello Sottile‎

    Castelbuono – Foto di Marcello Sottile‎

  • San Marco d’Alunzio (Messina). Si trova sul Monte Castro e vanta 22 chiese, 4 musei e un tempio greco, oltre ai ruderi del castello normanno.
  • Sutera (Caltanissetta). Si trova ai piedi del Monte San Paolino e vanta un grazioso centro urbano di impianto medievale. È un dedalo di viuzze e ripide strade.
  • Castelbuono (Palermo). Siamo nel cuore delle Madonie, circondati da un panorama affascinante. Offre un mix perfetto di storia, cultura ed enogastronomia, completato da una chicca: Ypsigrock Festival, uno dei più importanti del panorama europeo.
  • Castelmola (Messina). È una suggestiva terrazza con vista sulla vicina Taormina e sulla costa calabra, abbarbicata su un cocuzzolo.
  • Montalbano Elicona (Messina). È un caratteristico borgo medievale, dove Federico II d’Aragona volle la sua residenza estiva.
  • Marzamemi (Siracusa). Si tratta di una delle immagini da cartolina più famose della Sicilia, con i suoi colori e i suoi caratteristici tratti da borgo marinaro. Costruito nell’anno Mille, continua a mantenere intatta la propria anima anche oggi.
      Marzamemi nella foto di Francesco Alamia
  • Sambuca di Sicilia (Agrigento). Incastonato nella Valle del Belice, regala una vista affascinante su boschi e colline. Racchiude al suo interno stratificazioni di poche diverse, che ne rendono inimitabile il fascino.
  • Ginostra. Sull’isola di Stromboli è possibile fare un vero e proprio salto nel passato: questo borgo è raggiungibile solo via mare e conta appena 40 abitanti.
  • Savoca (Messina). È famoso perché qui sono state girate alcune riprese de Il Padrino: il Bar Vitelli è ancora aperto e visitabile.
  • Castiglione di Sicilia (Catania), nel cuore del Parco dell’Etna e del Parco Fluviale dell’Alcantara.
  • Scicli (Ragusa). È un trionfo del barocco siciliano: è come un prezioso presepe, decorato da palazzi nobiliari e chiese eleganti.
  • Palazzolo Acreide (Siracusa). Si trova al centro di numerosi itinerari turistici della Sicilia sud-orientale e rientra tra le città del Val di Noto Patrimonio dell’Umanità Unesco.
  • Gangi (Palermo). Arroccato sul Monte Barone e circondato dalle colline, offre un panorama mozzafiato. Sorge sulle rovine di un insediamento ellenico, con un centro storico completamente ricostruito nel 1300, in seguito alla distruzione avvenuta nel 1299, durante la Guerra del Vespro.
  • Salemi (Trapani). Una passeggiata nel suo centro storico offre la possibilità di venire a contatto con tantissime culture, da quella arabo-normanna a quella dell’età romana.
  • Novara di Sicilia (Messina). Al confine tra i Nebrodi e i Peloritani, sorge questo suggestivo borgo, un paese di pietra plasmato dall’attività storica degli scalpellini.

Foto in evidenza di Andrea Monici