Nomi Siciliani e Soprannomi famosi.

  • Parliamo di nomi siciliani e, soprattutto, di soprannomi siciliani.
  • Vogliamo scoprire oggi le “nciurie” (“ngiurie”) più famose e il loro significato.
  • Conoscere la Sicilia significa conoscere anche queste sue tradizioni.

Nell’antica tradizione siciliana avevano grande importanza i soprannomi , “li ngiurii”, come venivano chiamati in siciliano. Non tutti ne sanno parlare o ne hanno conoscenze, quindi oggi approfondiremo l’argomento, guidati da Angela Marino. Mettetevi comodi, perché oggi conosceremo tutto quello che c’è da sapere su soprannomi siciliani e nomi siciliani. La loro origine si perde nella notte dei tempi. Essi derivavano spesso dal luogo di provenienza di una persona o dal suo lavoro, o da una sua caratteristica fisica o da un suo atteggiamento o dal nome di animali e cose, o sono una forma onomatopeica… Talvolta si tratta di parole o espressioni difficilmente riconducibili a qualcosa di concreto, e prive di significato (almeno per quelli della nostra epoca).

Il valore dei soprannomi in Sicilia

Li ngiurii hanno sempre fatto parte della cultura siciliana e sono sempre state molto usate specie nei piccoli centri, dove la gente è conosciuta più attraverso la ngiuria che attraverso il cognome. A volte, però, a rivolgersi direttamente ad una persona con la sua ngiuria, potrebbero scoppiare liti sanguinose e grandi offese. Nella cultura siciliana il significato letterale del termine “ngiuria” è “offesa”, anche quando nel significato intrinseco del vocabolo non c’è niente di offensivo.

Sta di fatto che queste nciurie debitamente declinate al maschile, al femminile e al plurale e spesso precedute dagli articoli “lu” o “u” per il maschile , “la” o “a” per il femminile e “li” per il plurale, automaticamente venivano estese a tutta la famiglia e tramandate, da padre in figlio. Oggi alcune di esse, italianizzate, sono diventate dei secondi cognomi, ufficialmente registrati all’anagrafe, che servono a distinguere I vari rami di un’antica famiglia o sono addirittura diventati cognomi esse stesse. Generalmente si parla dei soprannomi siciliani come qualcosa di superato, un’antica usanza: nulla di più sbagliato! La fabbrica delle ngiurie è sempre attiva e fiorente nella nostra bella isola! Ecco, dunque, un bell’elenco, con il significato.

I Soprannomi Siciliani più famosi e il loro significato

Ngiurie derivate dal luogo di origine

  • Canicattinisi (proveniente da Canicattì);
  • Favarisi (Favara);
  • Marinisi (Porto Empedocle);
  • Romanina (Roma);
  • Tirminisi (Termini Imerese);
  • Cataluchisi (Cattolica Eraclea)
  • Runnera, cioè “i r’unni era?” – “di dov’era?” (persona di dubbia provenienza).

Soprannomi tipici siciliani legati al mestiere/ attività

  • Annaca li Rocchi (dondola le pietre): muratore;
  • Avvucaticchiu; avvocato da quattro soldi;
  • Babbaluciaru; venditore di lumache;
  • Baruni: barone;
  • Carnaru: macellaio;
  • Chiavitteri: che fabbrica le chiavi;
  • Ciuraru o sciuraru: fioraio;
  • Gazzusaru o Azzusaru: venditore di bibite;
  • Gnuri: cocchiere;
  • Lampiunaru: lampionaio (colui che che accendeva e spegneva i lampioni per le strade);
  • Mammana: ostetrica;
  • Pignataru: pentolaio, calderaio;
  • Puparu: puparo, burattinaio;
  • Pusteri: postino;
  • Sangunaru: venditore di sanguinaccio;
  • Siggiara: custode delle sedie della chiesa;
  • Stagnataru: stagnino;
  • Stigghiularu: venditore di stigghiole;
  • Stratunaru: manutentore di strade;
  • Stuppacannola: sturatore di rubinetti, idraulico;
  • Suriotu: usuraio;
  • Vardiddraru: fabbricatore di finimenti per gli animali da soma.

Nciurie legate a caratteristiche fisiche/ caratteriali/ mentali

  • Babbu funnutu: completamente scemo;
  • Baggianu: baggiano;
  • Biunnu: biondo;
  • Cacaladdritta: evacua in piedi;
  • Cacaova: fa le uova;
  • Cilliuni: tontolone, stupidotto;
  •  Culu ’nchiummatu: sedere bloccato;
  • Funcia: muso, broncio;
  • Ghimmirutu: gobbo;
  • Ghituzzu-a/ituzzu-a, vezzeggiativo di Ghitu o Itu, o Iritu: ditino;
  • Lordu: sporco;
  • Mangialasagna: mangia lasagne;
  • Manciamaccarruna: mangia maccheroni;
  • Menzasignura: mezza signora;
  • Morestu: modesto;
  • Pagghiazzu: pagliaccio;
  • Picciriddru: bambino;
  • Quattruecchi: quattrocchi;
  • Riavulu: diavolo;
  • Ruggiuleddra: sporca;
  • Scaglia: con i denti brutti;
  • Scianchetta: storpio;
  • Sissi-Nonzi: sissignore – nossignore (atteggiamento ossequioso);
  • Smaniu: smanioso;
  • Testepetra: testa di pietra;
  • Vicchiett: vecchietto;
  • Mangiatariu: ghiottone;
  • Minchiunazzu: tontolone, stupidotto;
  • Niuru: nero;
  • Occhi bianchi: occhi bianchi, albino;
  • Orbu: orbo, cieco;
  • Ghilli – ghilli: una persona che tartaglia;
  • Manuncula: mano morta;
  • Pazzu: pazzo;
  • Pedi torti: piedi storti;
  • Piduzzu: piedino;
  • Piccolinu: piccolo;
  • Sciancateddra; storpia
  • Vasa-vasa: bacia-bacia (chi va baciando tutti per farseli amici);
  • Vuccazza: boccaccia.

Da nomi propri o da cognomi

  • Celentanu: Celentano;
  • Ciciu: Francesco;
  • Cita: Cita la scimmia;
  • Ghituzza: Aghituzza (vezzeggiativo di Agata, Agatina);
  • Lucianu: Luciano;
  • Maradona: Diego Maradona;
  • Maratresa: Maria Teresa;
  • Masuzzu: Tommasino;
  • Sarvaturi-Totò: Salvatore;
  • Serafinu: Serafino.

Soprannomi Siciliani che provengono da animani/ piante/ oggetti

  • Aceddru: uccello;
  • Cani: cane;
  • Cannolu: cannolo (dolce siciliano o rubinetto o fontanella);
  • Cardunazzu: cardo;
  • Cavigliuni: piolo dove si legavano le bestie;
  • Cipuddruzza: cipollina;
  • Crastu: castrato (nel senso della pecora);
  • Fuddruni: follone, cioè quei rami di selvatico che crescono in alcuni alberi quali gli agrumi, gli ulivi, alberi da frutta;
  • Giuraneddra: ranocchia;
  • Merlu: merlo;
  • Nsalateddra: insalatina;
  • Piliddru: pelino, piccolo pelo;
  • Piruni: prugna;
  • Puci: pulce;
  • Pupella: pupattola o bambolina;
  • Sputazzeddra: saliva, sputo;
  • Taralla: tarallo, tipico biscotto glassato;
  • Vo: bue;
  • Zazà: un  punto del cucito.

‘Nciurie incomprensibili (o quasi)

  • Barbatascia;
  • Cerza;
  • Chiritru;
  • Ciacataru;
  • Ciuddra;
  • Creepisi;
  • Cucù;
  • Pilanu;
  • Pirichiddra;
  • Riniatu;
  • Scatafà.

Articoli correlati