Parlare di biscotti siciliani non è facile, perché significa addentrarsi in un territorio ricco di proposte. Accanto alla classica pasticceria di Sicilia troviamo la biscotteria, che merita un ampio capitolo a sé stante. Un viaggio fatto di tradizione, da fare provincia per provincia alla ricerca delle ricette più particolari e buone. Le preparazioni vanno dalle più semplici a quelle elaborate e ricche di farciture. La protagonista, naturalmente, è lei: la pasta frolla. Quella più classica include anche strutto e ammoniaca, due ingredienti di cui oggi si fa un minore utilizzo. Alcuni biscotti sono legati a particolari ricorrenze e periodi dell’anno, mentre la maggior parte si può acquistare sempre, nei panifici, nei bar e nelle pasticcerie. Qualora non foste siciliani, vi consigliamo di provare l’emozione di entrare in un panificio in Sicilia fornito di biscotti appena sfornati. Sarà molto difficile resistere e li vorrete tutti.

I biscotti siciliani delle feste

Il percorso lungo la strada dei biscotti siciliani comincia da quelli delle ricorrenze. Per la festa dei morti si preparano ossa di morto, tetù, rami di meli, ‘nzuddi e taralli. Per quanto riguarda invece il Natale, grandi protagonisti sono i buccellatini con il loro ripieno. Troviamo anche i Nucatoli, a forma di “s” e aperti in superficie. Irrinunciabili, a San Martino, sono i classici biscotti al sapore di anice, che diventano un dolce sontuoso se vengono farciti con la ricotta. Se parliamo di Pasqua, è necessario parlare delle Cuddura cu l’ova, molto scenografiche e decorate con maestria, e i Pupatelli (Pupatieddi o Quaresimali).

I migliori biscotti siciliani

Mettendo da parte le ricorrenze, con le loro ricette tipiche, ci sono dei biscotti siciliani che possono definirsi un vero must. Cominciamo da quelli a base di mandorla, che lasciano senza parole anche i palati più sopraffini. Molto amate sono anche le Reginelle, ricoperte di croccanti semi di sesamo: semplici e buone. I più golosi non potrebbero mai rinunciare ad assaggiare un Excelsior: biscotti da dessert con una farcitura alla mandorla e mezza copertura di cioccolato. Gli Algerini sono tondi e candidamente coperti di zucchero a velo. Se vi trovate a Monreale, guai a non assaggiare i tipici biscotti a “s”, con sottili linee di glassa bianca. A Erice i mostaccioli. Spaziando in giro per la Sicilia, potete lasciarvi tentare da Giammelle, Viscuttini, biscotti delle monache e biscotti Parigini. I veri golosi non possono esimersi dall’addentare un biscotto dello sciatore, una vera bomba calorica al cioccolato. Andando a qualcosa di più semplice, ovunque troverete i biscotti al latte, perfetti per la colazione e per l’inzuppo. Le ciambelle di San Cataldo (che non hanno il buco) sono soffici al palato, mentre gli Squisiti, tipici del Ragusano, hanno un nome che è una garanzia.

Foto: Panificio Di Martino

Articoli correlati